Quantcast

Trisaia di Rotondella: dopo 3 anni ancora non individuata la causa dell’inquinamento della falda

ScanZiamo le Scorie esprime preoccupazione per le dichiarazioni di Sogin alla Camera

La contaminazione della falda presente da oltre 3 anni nel Centro Trisaia di Rotondella (Matera) va bonificata con urgenza prima che gli effetti causino conseguenze gravi alla popolazione e all’economia del territorio.

Il Movimento ScanZiamo Le Scorie esprime preoccupazione per le informazioni che sono state rivelate nell’ambito dell’audizione della Sogin tenuta nei giorni scorsi nella Commissione Ambiente della Camera dei Deputati sono molto gravi: dalle ricerche effettuate ancora non è stata individuata la fonte da cui l’inquinamento della falda ha origine e pertanto sarà necessario proseguire con le indagini.

“Siamo fortemente preoccupati per le informazioni emerse – dichiara Pasquale Stigliani, portavoce di ScanZiamo le Scorie- Ci sentiamo presi per il naso. Nel 2017 Enea ci disse che al 99%avevano individuato la causa. Oltre 3 anni non sono stati sufficienti ad Enea, Sogin e alle Istituzioni responsabili ai controlli ambientali per individuare le cause dell’inquinamento della falda e passare dagli interventi di messa in sicurezza a quelli della bonifica. Sperando che non cada nel vuoto – conclude Stigliani – rinnoviamo il monito già lanciato nei mesi scorsi affinché si intervenga velocemente ed evitare il peggio.

Qui l’audizione di Sogin alla Camera

Acqua contaminata nel mare Jonio. Procura sequestra vasche Itrec e impianto ex Magnox di Rotondella