Quantcast

Basilicata, viaggio tra i vicoli dell’imprenditoria lucana: amici, parenti e soci

Chi sono gli imprenditori lucani più importanti, come sono articolate le loro Società, quanto pesano nel tessuto economico, come si relazionano tra loro e con la politica e le istituzioni? Lo scopriremo camminando

Comincia il nostro lungo viaggio nel mondo dell’imprenditoria privata lucana. L’imprenditoria che conta, che vince gli appalti, che detiene una fetta di mercato importante nei settori in cui opera: dal brokeraggio assicurativo alle costruzioni, dai servizi informatici alle forniture di beni e servizi alla pubblica amministrazione, dai lavori nell’indotto petrolifero e nel campo dell’energia cosiddetta pulita alla gestione dei rifiuti e avanti camminando.

Tratteremo in una prima fase le Società legate a personaggi pubblici, importanti sia per motivi istituzionali sia per motivi economici. Perché riteniamo che le aziende che fanno capo in qualche modo a donne e uomini pubblici siano di interesse pubblico. Chi sono, come sono articolate le loro società, quanto pesano nel tessuto economico, come si relazionano tra loro e con la politica e le istituzioni?

Nel nostro viaggio le abbiamo incontrate dappertutto, sono sempre loro, stesso giro, stessa giostra. Nulla di male, per carità, anzi, evidentemente sono le migliori, perciò restano sempre a galla e, magari, crescono. Le altre imprese, specie le più piccole arrancano, tirano a campare e pare debbano affidarsi alla benevolenza dei “grandi”.

Alla fine di questo lungo viaggio a tappe i lettori potranno farsi un’idea, un’opinione, su queste aziende e sui loro leader. In questa prima puntata partiamo dai fratelli Francesco e Michele Somma incrociando anche altri nomi di lucani legati ai due da rapporti societari e amicali

Francesco Somma, potentino, classe 1967, ha conseguito la laurea in Giurisprudenza nell’’Università degli Studi di Bari. Dal 2016 al 2020 è stato Vice Presidente di Confindustria Basilicata con delega all’Energia e Ambiente. Dal giugno 2020 è Presidente di Confindustria Basilicata. È componente del Consiglio Generale di ASSORISORSE – Risorse ed Energie Sostenibili.  È Presidente della Fondazione “Faustino Somma”.

Michele Somma, potentino, classe 1966, laurea in Giurisprudenza a Bari, già presidente di Confindustria Basilicata, già presidente della Camera di Commercio di Potenza, attuale presidente della Camera di Commercio di Basilicata.

Aziende e assetti societari dei Somma

La Ecomediterranea S.r.l. – attività di holding, avviata nel 2000 – sembra essere la madre di molte altre società. Al 28 gennaio 2021 il capitale sociale, interamente versato, è di 510mila euro. Francesco e Michele, al 28 gennaio 2021, detengono il 46% delle quote (23% ciascuno). Il resto del capitale è frazionato tra altri tre soci: Carla Di Giorgio (30%), Francesca Mor (23%), Giuseppe Deboli (1%). La sede legale della Società, dapprima in Bari, Corso Trieste 11, è alla data del 28 gennaio 2021 a Ferrandina, SS 407 Basentana al Km 75.500 snc. Presidente del Consiglio di amministrazione e rappresentante dell’impresa è Francesco Somma. Consiglieri di amministrazione: Carla De Giorgio, Michele Somma, Anna Maria Ruggieri, Antonio De Giorgio

La Finpar S.p.A. – attività delle società di partecipazione, holding, avviata nel 2018 – ha la stessa sede legale della Ecomediterranea. La Finpar al 28 dicembre 2020 ha un capitale di 1.917.643,40 euro. La maggioranza delle azioni è detenuta dalla Ecomediterranea S.r.l. per un valore di circa 1milione e 500mila euro. Il resto delle azioni è diviso tra Francesco Somma e il fratello Ernesto per un valore di 68mila euro ciascuno; la GBS Holding S.r.l. per un valore di circa 71mila euro; la Impes Service S.p.A. per un valore di 173mila euro circa; Fabrizio Campale, 12mila e 500 euro; Carla De Giorgio, 12mila e 550 euro; Faustino Somma, 12mila e 500 euro. Presidente del Consiglio di amministrazione della Finpar, al 28 gennaio 2021, è Michele Somma, mentre il rappresentante dell’impresa è Francesco Somma. Consiglieri di amministrazione: Francesco Loperfido, Francesco Somma.

La Impes Service S.p.A. – impianti per la produzione e distribuzione di energia, manutenzione impianti, avviata nel 1998 – ha la stessa sede legale a Ferrandina. Il capitale, alla data del 10 luglio 2019, confermato il 1° marzo 2021, è pari a 1milione e 300mila euro circa. La maggioranza delle azioni, il 94,9% è di proprietà della Finpar S.p.A., il resto è detenuto dalla Ecomediterranea S.r.l., 4,1% e da Rossana Raho, coniuge di Francesco Somma,1%. Presidente del Consiglio di amministrazione è Francesco Somma, rappresentante dell’impresa nella sede secondaria di Siviglia – Spagna – e consigliere di amministrazione è Francesco Loperfido. Altri consiglieri di amministrazione sono Michele Somma e Antonio De Giorgio. La Impes ha unità locali in Francia, Belgio, Bari, Brindisi, Potenza, Viggiano, Roma.

Impes S.r.l. – settore informatico e delle comunicazioni, commercializzazione, compravendita esportazione, prodotti elettronici e componentistica informatica, avviata nel 2013 – sede legale Bari, Corso Trieste, 11. Capitale sociale 10.200 euro di cui versato, al giugno 2020, 2.550,00 euro. La Impes Service S.p.A. detiene il 51% delle quote, mentre gli altri soci sono: Mario Rosario Calciano (10%), Antonio De Giorgio (10%), Francesco Somma (10%), Marco Domenico Viggiano (10%), Francesco Loperfido (9%). Amministratore unico della società è Francesco Loperfido. La Società ha un’unità locale a Ferrandina, SS 407, Km 75.500, snc.

Quote detenute in Tecnoparco Val Basento S.p.A.

Ecomediterranea S.r.l.  detiene una quota del valore nominale di euro 9.450, pari al 1 per cento del capitale sociale; Finpar S.p.A.  detiene una quota per un valore nominale di euro 344.925, 00 euro, pari al 36,5% per cento del capitale sociale. Nel 2016 la Finpar deteneva il 6,11 per cento del capitale. Michele Somma, alla data del 14 aprile 2021 è amministratore delegato di Tecnoparco. Antonio De Giorgio è uno dei consiglieri delegati.

Partecipazioni e interessi in altre società di Michele Somma: la curiosa accoppiata con Giuseppe Musacchio

Michel Somma ha partecipazione anche in altre società. La Bingo Service Nord s.r.l.  con sede a Potenza, in cui detiene il 40%, mentre l’altro 60% è di proprietà di Giuseppe Musacchio, attuale Commissario straordinario del Consorzio Unico di Bonifica della Basilicata. La Società ha per oggetto all’origine la “gestione sale giochi e attività totocalcio, scommesse, enalotto, scommesse ippiche”. Pare però che successivamente l’oggetto sociale sia stato trasformato in “studi di architettura, ingegneria ed altri studi tecnici”.  Ad ogni modo la società risulta iscritta alla CCIAA, ma è inattiva. L’ultimo protocollo evaso risale al 2018. L’amministratore unico della società è persona diversa dai due soci.

L’azienda E.i.e. S.r.l. Energia Idroelettrica ed Eolica ha sede legale a Milano, La sua attività è “fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata”. L’ultimo report alla CCIAA risulta al 2017. Attualmente inattiva. Soci sono Michele Somma e la Moglie.

L’azienda Enetra S.r.l. ha sede a Milano e si occupa di mediazione immobiliare. Soci sono Michele Somma al 95% e Giovanni Mor al 5%. Giovanni Mor è amministratore unico, lo stesso Giovanni Mor già componente del collegio sindacale di Tecnoparco Valbasento S.p.A.

L’azienda Infismac Commerciale S.r.l. ha sede a Milano, Si occupa di “Commercio all’ingrosso di macchine utensili (incluse le relative parti intercambiabili)”. Soci sono Michele Somma la 50% e Mario Cicoli al 50%. Amministratore unico è persona diversa dai soci.

Quelle citate non sono tutte le società in cui Michele Somma ha qualche interesse, ma allo scopo di questo viaggio è sufficientemente completo.

Partecipazioni e interessi in altre società di Francesco Somma

Oltre a quelle più importanti già descritte Francesco Somma ha partecipazioni societarie anche nella GBS Holding S.r.l., nella G.B.S. General Broker Service S.r.l. e, in passato della Consulbrokers S.p.A.

Il mondo del brokeraggio assicurativo

La Gbs Holding l’abbiamo già incontrata come azionista della Finpar S.p.A. Le altre due hanno molto a che fare con la prima.

Per descrivere queste società dobbiamo ripartire dalla “Procedura telematica aperta per l’affidamento del servizio di brokeraggio assicurativo a favore delle aziende del Servizio sanitario regionale della Regione Basilicata e del Consorzio di Bonifica di Basilicata.” Appalto gestito dalla Stazione Unica della Regione (Sua-Rb).

La determina di aggiudicazione è del 7 febbraio 2019. Chi si aggiudica la gara? Il lotto 1 è aggiudicato all’Associazione temporanea di impresa costituita da Consulbrokers S.p.A. e GB Sapri S.p.A. Il lotto 2 è aggiudicato all’Associazione temporanea di impresa costituita da GB Sapri S.p.A. e Consulbrokers S.p.A.

Nulla di strano. Niente da dire sulle procedure di gara e sull’autentico rispetto dei criteri di aggiudicazione.

La Consulbroker avrebbe contratti anche con il Crob, con l’Arlab (Agenzia regionale lavoro) e con altri enti pubblici sul territorio regionale. Naturalmente la Società ha anche contratti con aziende sanitarie ed enti pubblici di altre regioni e da qualche anno avrebbe allargato le proprie attività anche all’estero. Insomma un giro d’affari di tutto rispetto. Ma non è solo questo, la società di brokeraggio ha un potere enorme sulle compagnie di assicurazione o meglio sulle agenzie e filiali del territorio.

La Regione Basilicata per il servizio di Brokeraggio Assicurativo delle Aziende del SSR ha previsto un ammontare dei premi assicurativi annuo di euro 2.889.566,00 (Lotto 1), per il servizio di brokeraggio assicurativo del Consorzio di Bonifica di Basilicata, e euro 385mila per la Regione Basilicata (Lotto2) per complessivi 3.274.851,00 non a carico dei committenti ma remunerati esclusivamente da parte delle Compagnie di assicurazione con le quali sono stipulate le polizze. Le provvigioni sono state già determinate in sede di gara e ammontano a circa 650mila euro. La determinazione delle provvigioni probabilmente è dovuta al tentativo di evitare disparità o conflitti di interesse nella scelta delle compagnie assicurative da parte del broker. Insomma, il cliente, correttamente, sa in anticipo l’importo delle commissioni.

Le persone intorno al circuito GB Sapri S.p.A. e Consulbrokers S.p.A.

Una delle curiosità riguarda le persone protagoniste dirette e indirette delle due Società. Francesco Somma, Antonio Perretti, della Perretti Petroli S.p.A., Egidio Comodo, area Pd, marito del Difensore civico regionale Antonia Fiordelisi. Antonio Taddei, già membro della direzione regionale del Pd.

La Consulbrokers S.p.A.

La Società ha sede legale a Potenza. Il capitale ammonta, alla data del 19 febbraio 2021 a 2milioni e 171mila euro. Al 30 settembre 2020 ha 17 addetti, 8 soci, 12 unità locali di cui una sede secondaria a Napoli. Le unità locali sono sparse in tutto il Paese, da Bari a Bergamo, Bologna, Campobasso, Catania, Genova, Milano, Vigonza, Parma, Roma Venezia, Londra e Dubai.

Azionisti principali della Società sono: Euro Building Management Limited, con 2620 azioni pari a 1milione e 335mila euro; Antonio Perretti con 922 azioni pari a 476mila euro. Tra gli azionisti minori troviamo Egidio Carmelo Comodo con 60 azioni pari a circa 31mila euro.

Antonio Perretti è presidente del Consiglio di amministrazione, mentre Egidio Comodo è consigliere di amministrazione. Consigliere delegato è Alfredo Amato in rappresentanza della Euro Building Management Limited.

L’azionista di maggioranza, ossia la Euro Building Management Limited è una società a responsabilità limitata registrata in Inghilterra e Scozia, con sede a Londra. Amministratore della società pare essere proprio Alfredo Amato. La Società con diecimila euro di capitale movimenterebbe oltre 8 milioni di euro.

Ma anche la Consulbrokers S.p.A. ha una filiale a Londra aperta il 13 novembre 2008. Filiale che a tutti gli effetti è considerata una società del Regno Unito. Registrati come director della filiale alcuni degli amministratori della Società madre: Perretti, Amato, Comodo, Fiore, Rondinella.

La GB Sapri S.p.A. e le altre

GB Sapri spa nasce dalla fusione tra SAPRI Broker S.r.l., (ora Sapri Consultant S.r.l.) specializzata nel settore delle aziende private, e General Broker Service S.p.A., leader nel settore della PP.AA. La Sapri Consultant S.r.l.  – attività di consulenza imprenditoriale –  ha un capitale di 200mila euro. Presidente del Consiglio di amministrazione è Massimo Maria Bassi. Soci sono al 20% lo stesso Massimo Bassi e all’80% Carlo Maria Bassi.

Francesco Somma nel maggio 2002 era consigliere di amministrazione della GB Sapri S.p.A. mentre nel 2006 diventa amministratore delegato, fino al 2009 quando cessa dalla carica di consigliere di amministrazione. La GB Sapri viene costituita nel 1997, è attiva dal 2016. Il capitale ammonta a 1milione e 500mila euro. Azionista principale è la Opera51 S.r.l. con una quota del 98,76%. Azionisti minori sono la GBS General Broker; la Sapri Consultant S.r.l.; Ephemeris S.r.l. Francesco Somma fino al 2000 è anche consigliere di amministrazione della GBS General Broker.

Amministratori della GBSapri spa sono Massimo Maria Bassi, Giulio Spagnoli, Marisa Abbati e altri.

Il maggiore azionista della GB Sapri, la Opera51 S.r.l.  –  attività di holding – ha la sede legale in via Nomentana 183 a Roma, stessa sede della GBSapri spa. Dal 2019 consigliere di amministrazione della Opera51 S.r.l. è Francesco Somma, insieme con Massimo Maria Bassi, presidente del Cda, Giulio Spagnoli, amministratore delegato, e altri.

Il capitale della Opera 51 S.r.l., nata nel 2016, è di 350mila euro. Soci sono la GBS General Broker S.r.l. al 56,1%, la Sapri Consultant S.r.l. al 37,4%, PLS Holding S.r.l. al 6,5%.

Dalle parti di GB Sapri ritroviamo Giovanni Mor, membro del collegio sindacale, già sindaco effettivo della Tecnoparco Valbasento, socio al 5% e amministratore unico della Enetra S.r.l di Michele Somma. La GB Sapri ha oltre 20 unità locali sparse in tutta Italia e una sede secondaria a Potenza il cui responsabile è Antonio Taddei, broker assicurativo, uno dei responsabili dell’attività di intermediazione, componente del Comitato Piccola Industria Confindustria Basilicata, account manager Responsabile Area Sud Italia GBSAPRI S.p.A. già membro della direzione regionale del Pd.  Anche Francesco Somma e la moglie erano iscritti, e operativi, alla data dell’1 febbraio  2007, in qualità di responsabili dell’attività di intermediazione della GB Sapri S.p.A. (Continua)

La prossima tappa

Atterriamo qui con il primo volo. Nella prossima puntata continueremo il viaggio attraverso la Consulbrokers S.p.A., che ormai è diventata una delle aziende leader nel suo settore, e i suoi protagonisti.

© Riproduzione riservata