Quantcast

Condotta antisindacale, la Fnasla Cisal denuncia Consorzio di Bonifica e Regione Basilicata

"Hanno ignorato la sentenza del Giudice del marzo 2021 che aveva condannato il Consorzio"

La Fnasla Cisal in una nota denuncia la condotta antisindacale tenuta da Consorzio di Bonifica e Regione Basilicata e annuncia un nuovo  esposto in Procura.

Il 29 marzo 2021, con sentenza, il Giudice del lavoro della sezione civile del Tribunale di Potenza, ha condannato per condotta antisindacale il Consorzio di bonifica della Basilicata ordinandogli di recedere dall’atteggiamento fin qui adottato nei confronti della Fnasla-Cisal. La sentenza è stata notificata anche alla Regione Basilicata

Assessorato alla forestazione, affinché prendessero conoscenza di una quarta confederazione sindacale presente con gli iscritti all’interno del consorzio e firmataria del Ccnl riconosciuta su tutto il territorio nazionale (così come ha sentenziato il Giudice del lavoro).

Ciò nonostante, il Consorzio non ha dato seguito alla sentenza continuando ad usare un atteggiamento antisindacale e di non riconoscimento della Fnasla-Cisal, non da meno è stato il comportamento della Regione Basilicata, Assessorato alla Forestazione che, ha fatto finta di nulla ignorando la sentenza del Giudice, convocando Cgil Cisl e Uil per la riapertura dei cantieri forestali senza neanche informare la Fnasla Cisal delle decisioni assunte.

Da qui è nata l’esigenza di presentare un nuovo ricorso alla Procura della Repubblica per avere giustificazioni su qualcosa che ormai rasenta il ridicolo. La Cisal non è fatta da quattro scalmanati in cerca di gloria, è una Confederazione Nazionale presente su tutto il territorio, riconosciuta dal Governo Nazionale con la presenza di un proprio rappresentante nel Cnel e partecipa a tutti i tavoli negoziali con il Governo. Ora noi non capiamo quali possano essere gli interessi del Consorzio di Bonifica (Ente Pubblico) che continua ad osteggiare la presenza di un sindacato al proprio interno, certo non saranno di poco conto, visto che il Consorzio ha fatto addirittura appello alla sentenza del Giudice del lavoro.

Ancora più grave è la situazione della Regione Basilicata -Assessorato alla Forestazione che non risponde ad un criterio di giustizia convocando tutti i sindacati firmatari del Ccnl e presenti nel Consorzio, risponde solo ad una logica di vecchio consociativismo tra Regione e Cgil Cisl e Uil. Noi andremo fino in fondo fino a quando non ci sarà un vero e appropriato riconoscimento della Fnasla Cisal. Scriveremo al Presidente della Regione affinché possa intervenire su questa questione.

Fnasla Cisal