Quantcast

“Il futuro senza tempo fra eterocronie ed eterotopie. Il virus e le sue varianti”

Domenica 27 giugno 2021, alle ore 1900, presso l’ex Carcere Borbonico a Rionero in Vulture, la presentazione del volume edito nella Collana MenSALe dell’Istituto di Scienze del Patrimonio Culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche

Più informazioni su

Domenica 27 giugno 2021, alle ore 1900, nell’ex Carcere Borbonico a Rionero in Vulture, si presenterà il volume “Il futuro senza tempo fra eterocronie ed eterotopie. Il virus e le sue varianti (2020-2021)”. Il volume è edito nella Collana MenSALe dell’Istituto di Scienze del Patrimonio Culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche ed è un’opera miscellanea scritta da Marco Ferrazzoli, Laura Marozzi, Giampaolo Boldori, Maria Piliero, Angela Guma, Antonio Colasurdo, Giuseppe Resta, Alberto Manodori Sagredo, Paola Di Leo, Antonella Pellettieri, Francesco Rinaldi, Daniela de Scisciolo, Claudia Cerchiai, Tina Zappacosta, Federico Valicenti, Giovanni Ricciardi, Lorenza Colicigno, Claudio Elliott, Annalisa Venditti, Giuseppe De Biase, Raffaella Galasso, Claudia Fraiegari, Marzia Codella e Daniele Bracuto, in definitiva da 19 contributi e da 24 autori. Il libro è curato da Antonella Pellettieri, Dirigente di Ricerca in Scienze Storiche e Artistiche dell’­­Istituto di Scienze del Patrimonio Culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche.

Può considerarsi un sequel di un altro volume miscellaneo pubblicato giusto un anno fa dal titolo “Impareremo il futuro fra eucronie e utopie. Il virus del 2020” scritto da 25 autori e uscito per la stessa Collana e a cura di Antonella Pellettieri.

Il volume può dividersi essenzialmente in quattro parti: vi è una primo blocco di contributi che riguardano la diffusione della Covid-19 e gli sforzi della scienza e della medicina a vincere il virus con l’aiuto della comunicazione; una seconda parte dove vengono affrontati temi legati ai tipici luoghi eterotopici, una terza parte che riguarda la convivialità e il turismo e un’ultima parte che mette in contatto le trasformazioni della scrittura, delle tradizioni e del lavoro dovuti al distanziamento sociale per vincere la pandemia.

La Proloco di Barile, in collaborazione con l’amministrazione comunale, ha voluto organizzare la presentazione del volume che si terrà nella splendida e realmente suggestiva cornice dell’ex Carcere Borbonico e vedrà la partecipazione di Muro Tucciariello, assessore alla Cultura del Comune di Rionero, e di Michele Pinto, Presidente onorario della Proloco di Rionero che accoglieranno con le loro parole il pubblico e gli autori. In rappresentanza dei 24 autori parleranno confrontandosi Antonio Colasurdo, Paola Di Leo, Daniela de Scisciolo e Tina Zappacosta. Introduce e modera Antonella Pellettieri, curatrice del volume.

Dal primo al secondo tomo è trascorso un anno e in questi 12 mesi sono successi episodi e avvenimenti che hanno provato fortemente gli autori del primo libro e che sono emblematici per capire cosa sia accaduto, qui e in ogni parte del mondo, in questi ultimi 12 mesi di pandemia: è venuta a mancare per la Covid Rosa Boccuni, madre di una delle autrici, Paola Di Leo, e questo libro è in memoria di Rosa. La giovane Antonella Lonoce, autrice del primo libro perché volontaria del CISOM, a marzo 2021 è stata contagiata dal virus ed è stata un mese e mezzo in coma e sono stati necessari 15 giorni di ECMO per farla guarire.  Il volume è dedicato ad Antonella Lonoce che è riuscita a strappare al virus la vita di molte persone, compresa la sua.

libri

 

Più informazioni su