Quantcast

Lavoratori Sita senza stipendio e mancato rinnovo contratto Cotrab

Ditella (Filt Cgil): esterrefatti dalle dichiarazioni del presidente Vinella

Siamo rimasti esterrefatti nell’ascoltare l’intervista sull’emittente radio pugliese “Radio mi piace” al presidente di Cotrab e di Sitasud, Giuseppe Vinella, il quale spiega che il motivo per cui non vengono pagati gli stipendi agli autisti di Sita è legato al fatto che la Regione Basilicata, in maniera arbitraria, non trasferisce i corrispettivi del fondo nazionale della mobilità. Delle due l’una: o ci troviamo di fronte agli estremi per appropriazione e mantenimento indebito di soldi destinati al pagamento dei dipendenti oppure il presidente di Cotrab mente. A parlare è Luigi Ditella, segretario della Filt Cgil Basilicata che aggiunge: “Riteniamo che a questo punto sia obbligatorio un chiarimento e che si metta fine a questo rimpallo di responsabilità tra Regione e Cotrab che penalizza i lavoratori. Non escludiamo un intervento della magistratura a tal proposito, per impedire che l’inadempienza di certi amministratori ricada ancora una volta sui lavoratori”.

Appare inoltre alquanto curioso-prosegue Ditella- che, a fronte dello sbandierato annuncio dell’assessore regionale ai Trasporti, Donatella Merra, del raggiungimento di una firma sul rinnovo del contratto fra Cotrab e Regione, lo stesso Vinella dichiari che da luglio 2020 sono senza contratto.

Ancora più curiosi sono i piani epocali per l’estate di Trenitalia, dove vengono prolungati treni del mare da Sibari a Metaponto come se qualcuno che abita a Trebisacce o ad Amendolara, pur avendo il mare sotto casa, preferisca prendere il treno per andare al mare a Metaponto e viceversa. In tutto ciò, mentre siamo impegnati sul tavolo della trasparenza e della transizione energetica che prevede che fra 12 anni Eni sospenda le estrazioni, con investimenti nel trasporto su ferro per l’elettrificazione o l’idrogeno, Merra inaugurerà a breve due nuovi treni diesel a Potenza. Se questo è il cambiamento epocale proposto, si prevede una stagione di scontro e di lotta da parte del sindacato. Per questo -conclude il segretario della Filt-ribadiamo il nostro invito ad intervenire direttamente al presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, perché riteniamo l’assessore Merra un interlocutore non più attendibile.