Quantcast

Cgil: Solidarietà ai lavoratori e alle lavoratrici della Gazzetta del Mezzogiorno

"La continuità del giornale rappresenta uno strumento storico fondamentale per l’informazione delle nostre comunità"

La Cgil Basilicata esprime solidarietà ai giornalisti e ai lavoratori de La Gazzetta del Mezzogiorno che da un giorno all’altro si vedono chiudere le loro redazioni nonostante gli impegni assunti dal nuovo editore. La continuità del giornale rappresenta uno strumento storico fondamentale per l’informazione delle nostre comunità. Il sindacato lucano, che ha seguito e continua a seguire la travagliata vertenza in tutte le sue fasi – dalla procedura fallimentare della Edisud spa, società che edita il quotidiano, di cui è stata sancita l’interruzione dell’esercizio provvisorio, sino al fitto del ramo di impresa, la Ledi srl- sottolinea l’impegno di giornalisti e lavoratori che, con grande sacrificio, non hanno fatto mancare l’informazione garantendo la regolare uscita del giornale in edicola, nonostante il continuo ricorso agli ammortizzatori sociali e alla decurtazione degli stipendi.

Un impegno decisamente significativo in un momento storico così particolare, in cui i cittadini mai come adesso necessitano di essere informati su quanto sta accadendo e su tutte le misure adottate a livello nazionale e locale. Anche per questo motivo il blocco delle attività de La Gazzetta del Mezzogiorno preoccupa e allarma il sindacato.

Sollecitiamo ancora una volta istituzioni e imprenditoria di Puglia e Basilicata ad adoperarsi per un piano di salvataggio dello storico giornale di informazione locale: è necessario riaprire il tavolo comune che sia in grado di dare risposte ai lavoratori e alle lavoratrici.