Quantcast

Covid, “Delta presto dominante, varianti emergono di continuo”

Il presidente dell'Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro: "Non possiamo escludere che ce ne siano altre". Oms: la Cina deve collaborare di più

Più informazioni su

La variante Delta” del coronavirus in Italia “sta diventando rapidamente dominante. Non possiamo escludere che ce ne siano altre. Sentiamo che ne emergono continuamente. Dobbiamo trovare un equilibrio tra il garantire il più rapidamente possibile le coperture vaccinali e, allo stesso tempo, modulare le misure di prevenzione, anche non farmacologiche, proprio per fare in modo che, fino a quando non saranno coperte tutte le persone a rischio” attraverso la vaccinazione, “si possa controllare il più possibile la circolazione” del virus. Lo ha detto il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, nella lezione magistrale tenuta oggi per l’apertura del 53esimo Congresso straordinario della Società italiana di igiene, medicina preventiva e sanità pubblica (Siti).

È “fortemente probabile” che si svilupperanno nuove varianti del Covid “più pericolose”. Lo sostengono gli esperti dell’Oms nel consueto briefing da Ginevra sul coronavirus.

Il comitato di emergenza dell’Organizzazione mondiale della sanità ha avvertito che nuove varianti di Covid-19 potrebbero diffondersi in tutto il mondo rendendo ancora più difficile fermare la pandemia. “Non è affatto finita”, hanno affermato gli esperti dell’agenzia dell’Onu sottolineando “la forte probabilità che emergano nuove e forse più pericolose varianti che potrebbero essere ancora più difficili da controllare”.

La Cina deve “collaborare di più” all’indagine sull’origine del coronavirus. Lo ha detto il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, nel consueto briefing da Ginevra.

“Speriamo che ci sia una maggiore cooperazione per andare a fondo di ciò che è accaduto”, a Wuhan a dicembre 2019, ha detto il direttore generale dell’Oms chiedendo in particolare accesso diretto ai dati che finora Pechino ha negato.

Più informazioni su