Quantcast

Elezioni Rsa Stellantis di Melfi: il commento dei sindacati

Affluenza superiore al 90 per cento

“Con un livello di affluenza superiore al 90 per cento queste elezioni hanno dimostrato che tra i lavoratori c’è voglia di partecipare e di contare nelle scelte dell’azienda. Ora tocca alla nuova squadra di Rsa mettersi rapidamente al lavoro perché le sfide che attendono Melfi sono tante e sono impegnative”. Così il segretario generale della Cisl Basilicata, Vincenzo Cavallo, sull’esito delle elezioni per il rinnovo della Rsa nello stabilimento Stellantis di Melfi. “La Fim conferma la sua pattuglia di delegati a fronte di un incremento percentuale del consenso. Si tratta di un esito importante – continua Cavallo – perché raggiunto con una squadra fortemente rinnovata. La Cisl mantiene dunque il suo zoccolo duro di consenso a testimonianza del positivo lavoro svolto in questi anni con un’azione sindacale incisiva sul fronte degli investimenti e della difesa dell’occupazione. Ritengo che ci siano tutte le condizioni per continuare a lavorare e bene nell’interesse dei lavoratori per dare un futuro ancora più solido alla più importante realtà industriale della Basilicata e del Mezzogiorno”, conclude Cavallo.

“Grande affermazione dell’Ugl Metalmeccanici alle elezioni per il rinnovo della rappresentanza sindacale in Stellantis Melfi (PZ) che aumenta le preferenze del 70%, si attesta straordinariamente all’8% dei consensi incrementando notevolmente e raddoppiando la RSA rispetto alla tornata elettorale del 2018“.

Lo dichiara il Segretario Nazionale Ugl Metalmeccanici, Antonio Spera per il quale si tratta di “una grandissima vittoria nel sito Lucano, dove si producono vetture del gruppo Fca, 500X, Jeep Renegade e Compass, e dove l’organizzazione sindacale cresce sia in termini di Rsa sia in termini di preferenze. Ringrazio tutti i candidati che hanno partecipato a questa vittoria, un risultato che vede ben consolidarsi l’Ugl Metalmeccanici nel sito produttivo della Basilicata il quale è stato il primo del gruppo Stellantis a rinnovare la RSA. Il nostro impegno ora sarà massimo. Siamo consapevoli che in queste settimane sono tante le notizie sul futuro produttivo dei siti Stellantis Fca di Melfi, Pratola Serra, Cento, Pomigliano e Mirafiori. Ribadiamo che lo stabilimento di Melfi (PZ) nel 2024 sarà il primo a ricevere 4 nuove vetture Full Electric del segmento medio con 4 marchi diversi del brand Stellantis. La produzione sarà concentrata su una nuova unica linea potenziata che sarà realizzata integrando le due linee attualmente esistenti: ulteriori investimenti saranno concentrati per altre attività come l’assemblaggio di batterie e ciò – conclude Spera – per la nuova classe dirigente Ugl sarà una nuova e vera sfida da cogliere a difesa del territorio, della produzione e di tutti i livelli occupazionali”.

Vincenzo Tortorelli, segretario generale UIL Basilicata.  La Uil con il suo sindacato di categoria dei lavoratori metalmeccanici si conferma, per la quinta volta, il sindacato più rappresentativo tra i dipendenti Stellantis di Melfi sia operai che impiegati. Un risultato – quello conseguito con il rinnovo delle Rsa – tutt’altro che facile e tanto meno scontato, tenuto conto delle grandi trasformazioni in atto nel Gruppo automobilistico e a Melfi oltre che degli effetti della pandemia che si fanno ancora pesantemente sentire.

Per chi come me, indossando la mitica tuta amaranto della Fiat ha avuto qui un’esperienza esaltante di lavoro e muovendo i primi passi di attività in fabbrica si è formato sindacalmente, ha più motivi di soddisfazione anche perché la rappresentanza dei lavoratori è uno degli obiettivi che la Uil a livello confederale considera prioritario. Siamo dunque difronte al risultato del lavoro dei dirigenti e delegati della Uilm – a cui va il riconoscimento, unito ai più sentiti sentimenti di ringraziamento – che in questa consultazione dei lavoratori non hanno certo risparmiato energie e ci hanno messo la faccia ottenendo la fiducia dei propri colleghi. Un impegno che ha visto sempre la Uil a fianco dei dirigenti della Uilm sostenuti nelle scelte coraggiose assunte per far fronte alla grande sfida dell’elettrico e per attuare il nuovo piano industriale per Melfi che non solo salvaguardi occupazione e produzione ma ne rilanci la competitività internazionale.

Il risultato inoltre fa della Uil il baluardo dei sindacati confederali rispetto agli altri sindacati rilanciando la centralità del sindacato confederale. La Uil tutta avverte la responsabilità della fiducia ottenuta, che come dimostra l’altissima percentuale di votanti è una nuova testimonianza di partecipazione diretta e non certo di delega al sindacato e in questa fase di crisi di partecipazione dei cittadini è ancora più significativa della fiducia nel sindacato.