Quantcast

Treni, “l’assessore Merra dimentica i continui disagi sulla tratta Potenza-Foggia”

Ciufer Basilicata: "Aspettavamo una nota, un accenno di scuse, da parte della Regione verso le vittime di questi disservizi e di questa ulteriore prova di protervia da parte di Trenitalia. Invece assolutamente nulla"

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa dell’associazione Ciufer Basilicata sui trasporti ferroviari lucani ed in particolare i disagi per i viaggiatori sulla tratta Potenza-Foggia. 

Ci fa piacere non essere gli unici fra pendolari e associazioni a essere esterrefatti dal comportamento dell’Assessore una e trina Donatella Merra, che fra un impegno come assessore al Lavoro e uno come assessore all’Ambiente, riesce pure a trovare il tempo per un incontro con Vera Fiorani, come assessore ai Trasporti. Gli invidiamo la capacità di lavorare 24 ore al giorno per occuparsi di tre tematiche di così grande peso come occupazione, ambiente e trasporti. Su Google Alert settimanalmente troviamo almeno 3 o 4 dichiarazioni della Merra in giro per la Basilicata sui più disparati temi relativi alle sue tre deleghe, oltre agli impegni elettorali nei comuni ove si voterà. Ma in mezzo a questa iperattività degna di Stakanov, purtroppo, l’assessore Merra si dimentica dei continui disagi che stanno patendo da giorni i viaggiatori della tratta Potenza-Foggia. Aspettavamo una nota, un accenno di scuse, un qualcosa di garbato da parte della Regione Basilicata verso le vittime di questi disservizi e di questa ulteriore prova di protervia da parte di Trenitalia. Invece assolutamente nulla.

Eppure l’assessore tecnico-teorico Donatella Merra è una che non lesina certo interventi pubblici e comunicati stampa. Tuttavia non ce la sentiamo di condannarla per non aver difeso i lucani chiedendo conto dell’ennesimo oltraggio di Trenitalia. Siamo nell’eterna vigilia di un rimpasto della giunta regionale. In questa fase sarebbe da folli inimicarsi gli amici delle Ferrovie che a Corso Garibaldi sono graditi ospiti e brillanti sodali. In questi giorni, in questi mesi, mentre a Roma si sta lavorando per cercare di prendere decisioni cruciali per il futuro del trasporto ferroviario della Regione, il silenzio assordante della giunta regionale è al massimo dei decibel. Sul progetto di realizzazione dell’alta velocità Potenza-Battipaglia sono calate le tenebre, assistiamo a una passerella al contrario. Tutti trincerati nelle proprie case, in attesa dell’assegno mensile che porta nelle tasche dei consiglieri e dei componenti della giunta, lauti compensi

. La politica regionale non può fare da spettatrice, deve accompagnare questo percorso se non ha la necessaria autorevolezza per guidarlo. Nei prossimi mesi la Basilicata, e più complessivamente il Mezzogiorno ed il Paese, si giocano gran parte del loro futuro: bisogna fare in fretta e cominciare una discussione seria. Le ipotesi progettuali dovranno rispondere ad una visione e diventare cose concrete entro la fine dell’anno. E’ una sfida ardua per la politica e non solo, ma allo stesso tempo affascinante perché costruirà la Lucania del futuro. Perdere questa occasione sarebbe il colpo di grazia alle speranze di rinascita. La politica, quella che guarda al territorio, se esiste ancora batta un colpo.

Ciufer Basilicata