Quantcast

Da 30 anni gli studenti di Roccanova costretti a subire disagi per raggiungere le scuole superiori

Per raggiungere la sede scolastica di Senise, che dista circa 13 chilometri, l'autobus impiega 50 minuti: le famiglie chiedono la risoluzione del problema

In qualità di portavoce di un comitato di famiglie di Roccanova, Antonio Noia ha scritto al presidente della Regione Basilicata, al presidente della Provincia di Potenza e alle altre istituzioni competenti per portare all’attenzione “una grave difficoltà vissuta dagli studenti di Roccanova frequentanti le scuole superiori di Senise. Una situazione che va avanti da trent’anni, più volte segnalata alle autorità competenti e mai risolta”.

Per l’anno accademico 2021/22 gli studenti frequentanti sono 20-spiega Noia- In effetti Senise, un paese che dista da Roccanova circa 13 chilometri, è sede di vari istituti superiori e di recente vi è anche la scuola Socio Sanitaria, proprio questa sta attirando molti giovani Roccanovesi. Attualmente il bus della Sita, turno 421 E2 Roccanova-Senise parte alle ore 7,10 e arriva a Senise alle ore 8,00. Oltre all’ eccesivo tempo di impiego del tragitto, visto che basterebbero solo 15 minuti, resta un forte disagio per le strade tortuose e pericolose intraprese, disagi che nel periodo invernale, con le nevicate, aumentano. La strada, detta Via Montagna, passa dal bivio di Castronuovo e poi dal Terzo, dove nevica molto spesso nel periodo invernale.

Il tragitto Senise-Roccanova, sempre Via Montagna, è ancor più difficoltoso, in quanto i ragazzi debbono attendere, con tutte le difficoltà del caso e soprattutto nel periodo invernale, la partenza da Senise alle ore 14,15 e con arrivo a Roccanova per le ore 15,00. E’ facile capire il grande disagio che creiamo a questi poveri ragazzi; un disagio che si configura pienamente in una violazione del diritto allo studio. Ogni disagio che creiamo anche ad un sol ragazzo, abbiamo creato un problema per la società futura.

Nel passato-racconta il portavoce delle famiglie- sono state presentate alle autorità competenti innumerevoli soluzioni al problema, ma con grande rammarico abbiamo constatato che le autorità in questione non hanno nemmeno risposto. Ed è per questo che chiediamo l’immediato impegno affinché si possa risolvere al più presto questa difficile situazione. Inoltre ci riserviamo di attuare, nei limiti consentiti dalla legge, manifestazioni e scioperi di ogni genere. Gli studenti e le loro famiglie, l’intera popolazione di Roccanova, sono umiliati da decenni e stanchi di subire un tale disagio, ma la questione più grave è che in questo modo si impedisce ad una generazione di ragazzi di avere spazi ricreativi e di studio, ecco perché riteniamo offeso un grande diritto, il diritto allo studio.

Inoltre vi sono tanti cittadini di Roccanova, sia per motivi di lavoro che di salute intraprendono il percorso Roccanova–Senise, vedendo rifiutato una piena attuazione del diritto al lavoro e alla salute, infatti ricordiamo che Senise è sede anche di un’importante Azienda Sanitaria Locale di Potenza. Voglio anche ricordare che per la Via Montagna (Castronuovo) vi passano ben 3 pullman della Sita. Ricordiamo che gli stessi studenti di Castronuovo sono la metà di quelli di Roccanova, non riusciamo a comprendere come queste difficoltà debbano subirle solo una parte e ormai da decenni.

Ecco perché chiediamo che il bus Sita Roccanova-Senise sia diretto e non passi più per Via Montagna, infatti ci risultano ben 3 bus Sita che transitano per Castronuovo e con leggere correzioni di orari il problema è di facile soluzione e nulla toglierebbe agli studenti di Castronuovo. La scuola sta per iniziare e i problemi restano irrisolti da 40 anni.-conclude Antonio Noia- La soluzione è semplice, logica, nulla toglie a nessuno, anzi migliora le circostanze per tutti. La strada è già autorizzata, infatti ci sono già pullman Sita che vi transitano. Non riesco a capire perché non si proceda immediatamente.