Quantcast

Emissioni odorigene area industriale di Tito, “Nostre sollecitazioni ad Arpab inascoltate”

Il sindaco Scavone scrive al direttore Tisci "dopo le sollecitazioni dei mesi scorsi rimaste senza risposta"

Nella giornata di oggi, 12 agosto 2021, il sindaco del Comune di Tito Graziano Scavone ha inviato una lettera al direttore generale dell’Arpab Antonio Tisci. Tema centrale della missiva la richiesta di un controllo e un monitoraggio delle emissioni odorigene nell’area industriale di Tito, dopo che le reiterate sollecitazioni dei mesi scorsi sono rimaste, purtroppo, inascoltate. Lo fa sapere l’ufficio stampa del Comune di Tito in una nota.

“Questa richiesta-si legge nella nota- perviene anche in virtù dell’approvazione in sede di giunta regionale delle norme per la prevenzione, limitazione e caratterizzazione delle emissioni odorigene degli impianti soggetti ad A.i.a. (D.G.R. 466/2021).

Inoltre, il sindaco Scavone ha voluto sottolineare come le criticità ambientali della zona industriale di Tito da un punto di vista odorigeno siano maggiormente evidenti, considerata la significativa presenza di impianti di trattamento dei rifiuti nell’area in oggetto, e quanto siano necessarie azioni mirate che riducano ogni tipo di rischio in materia ambientale. In virtù di ciò, il primo cittadino titese ha ritenuto richiedere con urgenza che sia attivato un percorso di monitoraggio, cui far seguire l’adozione delle opportune misure di mitigazione dei disagi ambientali registrati da tempo.

«A distanza di anni – ha chiarito il sindaco di Tito Scavone –, nonostante le diverse comunicazioni e richieste di controllo inviate dal sottoscritto, nessun atto concreto è stato predisposto a tutela della qualità dell’aria e dei residenti e fruitori della zona che, ancora una volta, si ritrovano a trascorrere il periodo estivo in situazione di grave disagio». «A tale riguardo – continua Scavone –, nell’ottica di una proficua collaborazione tra enti, confido in un celere e positivo riscontro a questa mia ennesima sollecitazione, auspicando che venga assegnato al mio territorio la stessa attenzione di altre aree».

«In difetto – conclude il sindaco di Tito –, dovrò valutare l’opportunità di condurre autonomamente una campagna di monitoraggio delle emissioni odorigene ed attivare i procedimenti amministrativi del caso affinché, attraverso il pieno concorso degli enti competenti, si individuino le soluzioni più adeguate e si ponga fine a questa incresciosa vicenda che prosegue, ormai, da anni».