Quantcast

Arpab, Tisci risponde alla Fp Cgil: “nessun demansionamento per la funzionaria addetta al controllo green pass”

Il direttore generale dell'Agenzia risponde alla nota della segretaria Scarano

In seguito alla nota stampa della segreteria regionale Fp-Cgil, la Direzione Generale dell’Arpab precisa che, a norma di legge, sono delegati per la verifica del green pass e ciascuno per il personale assegnato il Direttore Generale, il Direttore Tecnico Scientifico, tutti i dirigenti dell’Agenzia e tre funzionari tra cui anche l’ex Rsu della Cgil. “Non ho guardato né le tessere sindacali né le tessere di partito -ha puntualizzato il Direttore Generale Antonio Tisci- ma soltanto le esigenze funzionali.”

“Nel caso specifico della sede di Matera, che è priva del servizio di vigilanza, ha continuato il Direttore Generale, insistono, in quegli uffici, sia funzionari afferenti a strutture che hanno i dirigenti in servizio fisicamente a Matera sia funzionari che hanno dirigenti in servizio nella sede di Potenza.”

“La nomina della ex Rsu aziendale, Lucia Summa, ha concluso il vertice dell’Arpab, è limitata al controllo del personale a campione non afferente ad uffici con dirigente a Matera e per un controllo complessivo di n.2 unità -secondo la normativa vigente- e, quindi, la stessa “non viene né distratta dai propri obblighi di ufficio per vestire quelli di “portiere” o “usciere” né tantomeno è da ritenersi demansionata.