Quantcast

La tombola anticipata a Oppido Lucano

Comunisti storici e sindaco uscente del Pd si sono accomodati sul Carroccio, senza, però, mai nominare il mezzo di trasporto

Generalmente, la tombola è un gioco natalizio, ma nell’Alto Bradano, siamo sempre avanti. Sarà per la presenza di Terna che, da anni, è presente sul territorio, ma da ieri, con Tolve, Oppido Lucano e Cancellara, la Terna è veramente perfetta. Il Quotidiano del Sud di oggi commenta che con Oppido “il carroccio lucano si è rifatto”, e possiamo anche suggerire ai tre Comuni che potrebbero dar vita alla prima sperimentazione di vera Unione dei Comuni, con risparmio di risorse umane, finanziarie ed un unico Sindaco. Ieri sera, a Oppido, a scrutini conclusi, è seguito un legittimo corteo, il neoeletto sindaco, Mirco Evangelista, con un gesto di civile convivenza, ha salutato gli avversari, seguito da alcuni suoi candidati, mentre alcune signore presenti hanno espresso la loro soddisfazione, verso gli sconfitti, con gestacci indegni di qualsiasi donna. Presente al Corteo il potente Senatore Pasquale Pepe, se ne sarà accorto? Quale esempio di pacificazione sociale ha dato senza neanche dire un semplice buonasera, lui che rappresenta la Nazione senza vincolo di mandato?

Il candidato sindaco sconfitto, il professore Antonio De Rosa, da sempre impegnato con il teatro di denuncia civile, con il suo stile discreto e anticonformista, ha preso atto che l’Alto Bradano non vuole alternative, né cambiare la classe politica. Ha preso coscienza che nonostante la laicità dello Stato italiano, voluta da Papa Giovanni Paolo II, per candidarsi ad Oppido, occorre frequentare assiduamente la Parrocchia e in più frequentare bar e social, anziché biblioteche e coltivare la terra. I suoi candidati, sempre attivi nei diversi ambiti sociali, da anni, hanno dovuto prendere atto che per vincere le elezioni non occorrono tirocini, si va direttamente in Consiglio o in Giunta.

A Oppido, da tempo, le Associazioni Antigone ed Ehpa hanno dato vita a battaglie civili contro le multinazionali per la devastazione territoriale, l’architetto Salvatore Paolucci, apprezzato in tanti paesi lucani, per i quali ha presentato, gratuitamente, osservazioni di tutela del territorio, è passato inosservato, eppure, le denunce pubbliche, fatte dalle due Associazioni, hanno permesso a diversi Comuni, tra cui Tolve, Genzano, Oppido e Vaglio di rivendicare compensazioni ambientali, mai prima richieste e ricevute senza alcuna concertazione per ridurre i danni al territorio. Il Senatore Pepe, durante la campagna elettorale è stato sempre presente in paese, dove, per carità, è sempre gradito, ma si sarà chiesto se la sua presenza non fosse troppo esagerata e condizionante? Il presidente Bardi si compiace per “Una campagna elettorale caratterizzata per la sua correttezza”, ma perché non comincia a girare tra i paesi come aveva promesso e cerca di capire i reali contesti socio-economico-politici? Lo sa dove si trova Oppido e che in questo territorio la regione autorizza opere devastanti anche quando non sono necessarie?

In questo paese dell’Alto Bradano è accaduto di tutto socialmente e politicamente e, sarà per emulare il governo Draghi, regna la più grande confusione. Comunisti storici e sindaco uscente del Pd sono confluiti nel centro-destra e appassionatamente si sono accomodati sul Carroccio, senza, però, mai nominare il mezzo di trasporto. Nascondendosi dietro il ventaglio civico, il sindaco neoletto, prima all’opposizione, ha promesso attenzione per il territorio urbano e rurale, noi di Antigone ed Ehpa, però, siamo indecisi se continuare ad analizzare tutte le carte e continuare a difendere il territorio, abbiamo maturato la consapevolezza che per Oppido e il Sud vale la posizione di Catone il Censore “Cartago delenda est”, solo così, forse, il popolo meridionale comincerà a valutare chi sogna rinascita, cultura, agricoltura, bellezza e non semplicemente affari e cantieri, a volte, esempi di sperpero di denaro pubblico, appaltati a fine mandato per condizionare i voti.

Porzia Fidanza, associazioni Antigone ed Ehpa