Quantcast

Potenza, un racconto fotografico della città dal 1857 al 1950

“Come eravamo. Potenza 1857-1950” è il titolo del volume a cura di Antonietta Mente

“Come eravamo. Potenza 1857-1950” a cura di Antonietta Mente, è il titolo del volume fotografico (Typimedia edizioni) che racconta la città lungo quasi un secolo di storia. Una raccolta di istantanee che parte dal 1857, anno del devastante terremoto che colpisce Potenza, il primo sisma della storia ad essere immortalato in immagini fotografiche, per arrivare alla prima metà del Novecento, gli anni della ricostruzione dopo il secondo dopoguerra.

Un ritratto di Potenza in bianco e nero, con le sue storie di comunità che intercettano la grande Storia, attraverso 200 immagini d’epoca e d’archivio. Un progetto reso possibile grazie al coinvolgimento degli abitanti della città, che hanno aperto i loro album di famiglia per la costruzione di un’opera collettiva dal grande valore storico. È grazie a loro, ma anche ai musei, alle biblioteche, alle associazioni sportive, alle parrocchie, alle attività̀ commerciali e ai collezionisti, se è stato possibile esprimere nel presente la forza narrativa del passato.

Il lavoro di ricerca, scavo, raccolta e documentazione degli scatti ha consentito di disegnare l’antica fisionomia dei quartieri e di seguirne i mutamenti negli anni – da via Pretoria a via del Popolo, da Santa Maria al borgo di San Rocco – di rievocare il carattere e il calore del popolo potentino, le sue usanze e le sue tradizioni; di ripercorrere un arco temporale segnato dall’insurrezione lucana, dal brigantaggio post-unitario, da due conflitti mondiali, dal fenomeno dell’emigrazione e dell’analfabetismo.

Un racconto storico per immagini cui si aggiungono i contributi speciali e gli approfondimenti di Rocco Galasso, Giancarlo Filiani, Gerardo Bellettieri, Lorenza Colicigno, e il sindaco Mario Guarente.

Carro armato canadese a Piazza del sedile

Potenza d'epoca

La copertina del volume

Potenza d'epoca