Quantcast

Regione Basilicata, nomina nuovi dirigenti: una domanda al presidente Bardi

Sono ancora in vigore alcune leggi che disciplinano i requisiti dei direttori generali?

Il 6 ottobre scorso, dalla Giunta Regionale della Basilicata sono stati indicati i Direttori generali delle Direzioni (non più Direttori generali di Dipartimento), in ossequio al nuovo ordinamento regionale.

Non è più presente il Dipartimento Presidenza della Giunta: al suo posto la Direzione generale Personale e Organizzazione, che sarà guidata dall’Avv. Maria Carmela Panetta.

Per quanto concerne le altre Direzioni attestate alla Presidenza della Giunta, il Dott. Alfonso Morvillo – attuale Direttore dell’Istituto di Ricerca su Innovazione e Servizi per lo Sviluppo del CNR – è stato indicato per l’incarico di vertice della Direzione Generale per la programmazione e la gestione delle risorse strumentali e finanziarie, mentre al vertice della Stazione unica appaltante della Regione Basilicata (SUA), è stato individuato l’Avv. Donato Del Corso.

Alla Direzione Generale per la salute e le politiche della persona, è stato indicato il Dott. Domenico Tripaldi. La Dott.ssa Emilia Piemontese è stata invece individuata per l’incarico di vertice della Direzione Generale per le politiche agricole, alimentari e forestali.

L’Ing. Roberto Tricomi, Dirigente Area tecnica del Commissario delegato della Presidenza del Consiglio dei Ministri, rivestirà l’incarico di vertice della Direzione Generale per le Infrastrutture e la Mobilità. Il Dott. Canio Alfieri Sabia, Ricercatore del CNR, è stato indicato per l’incarico di vertice della Direzione Generale per lo sviluppo economico il lavoro e i servizi alla comunità.

Infine, la Dott.ssa Liliana Santoro, geologa e già Direttrice della SUA, è stata nominata per l’incarico di vertice della Direzione Generale Ambiente ed Energia.

Con un’altra delibera, è stata approvata la graduazione degli uffici dirigenziali delle Direzioni generali della Giunta ed è stato indetto l’interpello per i dirigenti regionali.

Ora, leggendo i curricula dei nuovi dirigenti ci assale un dubbio sulla nomina di almeno un dirigente. Senza nulla togliere alle competenze e alla professionalità della persona, ci sembra di capire che manchi il requisito previsto dall’art. 19 comma 6 del D.Lgs. 165/2001. Ci sbagliamo? Oppure la risposta è nella modifica alla l.r. n.12 del 1996? Ma anche in questo caso notiamo una qualche forzatura. Ma quelle ci sono sempre, naturalmente nel pieno rispetto delle alternative che le norme forniscono.