Quantcast

Solidarietà della CISL della UIL alla CGIL, Cavallo: “Sindacato confederale argine forte contro deriva antidemocratica”

"Nella storia del nostro paese, specie nei suoi momenti più bui, il sindacato confederale ha dimostrato di essere un argine forte contro ogni deriva antidemocratica"

Nella storia del nostro paese, specie nei suoi momenti più bui, il sindacato confederale ha dimostrato di essere un argine forte contro ogni deriva antidemocratica. Episodi come quello di ieri alla sede nazionale della CGIL, unito allo stillicidio quasi quotidiano di minacce di cui è stata oggetto in queste settimane anche la CISL per la posizione chiara e responsabile assunta sui vaccini, vanno respinti con determinazione e senza ambiguità.

Ai facinorosi e ai violenti che si illudono di prevaricarci diciamo che la CISL e tutto il sindacalismo confederale non si farà intimidire. Questa mattina porteremo ai colleghi della CGIL la nostra concreta testimonianza di solidarietà e vicinanza che estendiamo idealmente a tutti i sindacalisti, operatori e attivisti di CGIL CISL UIL che in questi mesi hanno subito attacchi ingiustificabili”. È quanto dichiara il segretario generale della Cisl Basilicata Vincenzo Cavallo.

Il segretario regionale della UIL Vincenzo Tortorelli a Potenza e il componente della segreteria regionale Bruno Di Cuia a Matera hanno partecipato oggi alle manifestazioni della Cgil davanti le sedi dei due capoluoghi portando la solidarietà della Uil e ribadendo l’impegno a respingere l’attacco alla Cgil e a tutto il sindacato.

Abbiamo deciso di recarci presso le Camere sindacali della CGIL – ha affermato Tortorelli – per reagire con forza a quanto accaduto e trasmettere un chiaro messaggio di unità e coesione, indispensabili in questo difficile momento. La democrazia è la condizione essenziale per difendere i lavoratori e i loro diritti, il sindacato, da sempre, è pronto a difenderla. Nessuno pensi di intimorire il sindacato che – ha aggiunto Tortorelli – reagirà unito con la manifestazione nazionale indetta per il 16 ottobre. Abbiamo sempre considerato la sicurezza sui posti di lavoro e quindi la vaccinazione di tutti i lavoratori una priorità e per questo abbiamo svolto e continuiamo a svolgere una campagna di sensibilizzazione al vaccino.  L’attacco alla sede nazionale della Cgil è un fatto gravissimo ad opera di neofascisti che sfruttano la situazione della pandemia per colpire i luoghi di rappresentanza dei lavoratori. Noi non lo consentiremo. Piena solidarietà e vicinanza ad Angelo Summa, ai gruppi dirigenti regionali e locali e a tutti gli iscritti alla Cgil lucana.