Quantcast

A Venosa la presentazione di “Savino Sileno scrive sulla lavagna del cielo: Michele Mulieri, una stanchezza da meditare”

Il volume, a cura delle lucane Anna Albanese e Marina Berardi, è un testo di antropologia del patrimonio

Sarà presentato a Venosa, il 19 novembre alle 18, il libro “Savino Sileno scrive sulla lavagna del cielo: Michele Mulieri Una stanchezza da meditare”. L’iniziativa si terrà nella Sala del Trono del Castello Pirro del Balzo alle ore 18:00.

Il volume, a cura delle lucane Anna Albanese e Marina Berardi, è un testo di antropologia del patrimonio, radicato in Basilicata, tra i paesi di Grassano e Tricarico, a un nodo di cinque strade, nel quale Michele Mulieri si dichiara Presidente unico e assoluto della Repubblica dei Piani Sottani. Era il 1950. “E mai una storia come questa del Mulieri, ch’io definirei regina, ho sentito in un libro e a voce” dichiara lo scrittore Savino Sileno nel suo manoscritto oggi ritrovato e lì integralmente pubblicato. Michele Mulieri, che già Rocco Scotellaro ebbe a immortalare in note pagine, ritorna in quest’opera insieme al dattiloscritto inedito del venosino Savino Sileno.

La presentazione del libro si muoverà attorno alla figura del Mulieri ed a quella dello scrittore scomparso Savino Sileno alternando illustri interventi e testimonianze dirette. Il testo pubblicato da CISU nella collana di Antropologia del patrimonio diretta da Alessandro Simonicca è un volume in cui si alternano voci, presenze, riflessioni, sguardi che partono dalla figura di Michele Mulieri per offrire spunti antropologici e storici nel contesto in cui Mulieri creò quella che fu definita la Repubblica assoluta dei Piani Sottani.

Nella quarta di copertina si legge: «In Basilicata, tra i paesi di Grassano e Tricarico, a un nodo di cinque strade, Michele Mulieri si dichiara Presidente unico e assoluto della Repubblica dei Piani Sottani. Era il 1950. “E mai una storia come questa del Mulieri, ch’io definirei regina, ho sentito in un libro e a voce” dichiara Savino Sileno2 nel suo manoscritto oggi ritrovato e qui integralmente pubblicato. Michele Mulieri che già Rocco Scotellaro ebbe a immortalare in note pagine, ritorna in questo volume, fa risentire il suo accento inconfondibile e offre la possibilità di ripensare il nostro tempo, in un coro di voci che restituiscono il suo spirito “avventuriero” e la sua “stanchezza da meditare”.»

La nascita di questo libro ha una storia lunga ormai. È un progetto sostenuto dalla famiglia Mulieri e in particolare da Eleonora Carbone, moglie di Antonio Guerriero Romano, figlio minore di Michele Mulieri, che ha messo a disposizione una parte consistente dell’archivio personale di Michele Mulieri nel tentativo di ricostruire e di restituire il suo peculiare vissuto già in parte raccontato da Rocco Scotellaro in Contadini del Sud e nel libro di Franco Casalino La vera storia di Michele Mulieri. Tra i documenti è stato rinvenuto anche il manoscritto inedito, sotto forma di bozza, di Savino Sileno che, sul finire degli anni settanta, intervistò Michele Mulieri ospitandolo anche nella propria abitazione di Venosa.

Locandina evento presentazione libro