Quantcast

Cifarelli (Pd): “Presidente Bardi è etico cambiare leggi e regolamenti a partita in corso?”

Il consigliere regionale su Arlab e Avvocatura regionale

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di Roberto Cifarelli, consigliere regionale Pd Basilicata.

“Ultimamente il Presidente Bardi si è più volte soffermato sul tema dell’etica e dell’estetica pubblica. Ed ogni volta che ho ascoltato da Bardi tale richiamo, in Consiglio regionale o, per ultimo, al convegno di Confindustria, è aumentato in me il convincimento che il Presidente usi la parola etica sempre più per coprire l’estetica dei suoi comportamenti. Infatti non si comprende cosa ci sia di etico, trasparente e forse anche legale, per esempio, nella nomina del direttore dell’Arlab o, più di recente, nel caso dell’avvocatura della Regione assurto all’onore delle cronache in queste ore.

Non starò qui a ripercorrere (cosa che farò in una formale interrogazione) i passaggi formali che riguardano i due casi, ma entrambi hanno una uguale modalità comportamentale, cioè quella di cambiare le regole del gioco a partita in corso o addirittura terminata, cambiando leggi o regolamenti per annullare gli effetti di procedure e avvisi pubblici che (verosimilmente) portavano alla selezione di persone non gradite. Risuonano sempre più vuote di significato le solenni parole del Presidente pronunciate in uno degli ultimi Consigli in cui diceva di non soffermarsi nella scelta delle persone nel guardare le loro simpatie politiche.

Il Presidente Bardi tratta questi temi con frasi ad effetto, buone per ottenere qualche titolo di giornale pur procurando il broncio in viso a qualche Consigliere di maggioranza sentitosi punto dallo spillo linguistico del nostro Presidente. Tuttavia il tema è serio e dunque giusto approfondirlo a partire dalla domanda di fondo che rivolgiamo direttamente al Presidente Bardi: l’estetica è etica?

Dal mio punto di vista l’estetica è etica intanto perché sono termini che si contengono: est-etica e poi perché non si può parlare di etica, solo per parlarne. E non si può parlare di etica soffermandosi poi solo sull’estetica. Allora, Presidente, è etico cambiare leggi e regolamenti a partita in corso? Ci farebbe piacere conoscere cosa ne pensano anche i Consiglieri regionali che hanno ricevuto la reprimenda sull’etica dal nostro Presidente Bardi. Roberto Cifarelli consigliere regionale Pd