Quantcast

Si punta il coltello alla gola durante lo sgombero: “non me ne vado da casa mia”

Oggi nuovo tentativo di sgombero dell'immobile in cui vive una famiglia di Terlizzi. Tensione con le forze dell’ordine. “Io non intendo uscire da casa mia, non solo perché non saprei dove andare, ma perché è totalmente ingiusto ciò che ci sta capitando. Qualcuno vuole insabbiare la verità". All'interno dell'articolo i video drammatici del tentativo di sgombero

“Vi chiedo di dare notizia della mia storia, per cui ci hanno pignorato 4 appartamenti per un debito di 4 mila e cinquecento euro. Oggi 13 novembre è previsto lo sgombero, già rinviato il 13 ottobre scorso, ma io non intendo uscire da casa mia, non solo perché non saprei dove andare, ma perché è totalmente ingiusto ciò che ci sta capitando: per 4 mila euro non si pignorano 4 appartamenti!”

Queste le parole della signora Teresa poco prima che arrivassero le Forze dell’Ordine per sgomberare la palazzina in cui vive, a Terlizzi, con il marito e dove vivono anche i i figli.

All’arrivo dei carabinieri, pronti a sgomberare l’immobile, si sono vissuti momenti di tensione. Il marito della signora Teresa puntandosi un coltello alla gola ha minacciato di uccidersi. Mentre la donna ha accusato un malore. Sul posto presenti anche alcuni vicini e cittadini giunti a sostenere Teresa e la sua famiglia. Qui tutta la storia.

I video girati dall’avvocata Caramia: lui si punta il coltello alla gola, le urla di disperazione. In fine le forze dell’ordine abbandonano il campo. Tutto rinviato probabilmente a gennaio 2022. Ma non finisce qui. Ci auguriamo che la verità venga a galla e che la Giustizia tuteli finalmente la famiglia di Mauro e Teresa.

Riproduzione riservata