Quantcast

Sindacalista lucano arrestato in operazione antimafia, la Uiltucs lo sospende

Lo fa sapere la segreteria regionale della Uil Basilicata ribadendo piena fiducia nel lavoro della magistratura.

La segreteria nazionale della Uiltucs a seguito delle notizie riferite all’’inchiesta del Dda di Potenza ha sospeso dall’incarico e da ogni funzione sindacale il dirigente Rocco Della Luna. Ne dà notizia la segreteria regionale della Uil Basilicata ribadendo piena fiducia nel lavoro della magistratura.

Il sindacalista nella mattinata di oggi è stato arrestato e posto ai domiciliari nell’ambito di un’inchiesta della Procura antimafia di Potenza che vede indagate 37 persone a vario titolo per associazione per delinquere finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, estorsioni, detenzione e porto illegale di armi da fuoco, danneggiamento seguito da incendio ed altro, aggravati dall’agevolazione e dal metodo mafioso.

E a proposito dell’arresto dell’esponente della Uiltucs Basilicata il procuratore capo di Potenza ha evidenziato -in una nota- “la spiccata capacità del clan Stefanutti-Martorano di infiltrarsi nella gestione diretta o indiretta di appalti di opere e servizi pubblici attraverso una fitta rete di contiguità e connivenze insinuatasi persino nelle sfere istituzionali, come nel caso di una sigla sindacale attiva nel comparto sanitario che, anche attraverso il ricorso a metodi impositivi ed intimidatori, ha consentito per lungo tempo una gestione “addomesticata’ dei dipendenti della società Kuadra, già affidataria dei servizi di pulizia presso l’Ospedale San Carlo di Potenza, favorendo di fatto, il concentrarsi del controllo delle assunzioni e dei licenziamenti proprio nelle mani dei maggiorenti del sodalizio criminoso, che in tal modo hanno guadagnato una forte sfera di influenza e di credito sociale sul territorio”.