Quantcast

Spaccio di droga a Montalbano Jonico, carabinieri arrestano 41enne

Lo stupefacente veniva consegnato con un paniere calato dal balcone dell'uomo arrestato

Nel pomeriggio di sabato 6 novembre a Montalbano Jonico, i Carabinieri della Compagnia di Policoro, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio tesi tra l’altro al contrasto dei reati in materia di sostanze stupefacenti, hanno arrestato

Un 41enne ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti è stato arrestato, lo scorso 6 novembre a Montalbano Jonico. Durante un servizio di controllo i Carabinieri avevano notato movimenti sospetti nei pressi della villa comunale. In particolare, nel corso di un controllo era stato individuato un assuntore di sostanza stupefacente che aveva appena acquistato una dose di marijuana nei pressi dell’abitazione di un 41enne del luogo, residente al Nord Italia ma domiciliato a Montalbano, già conosciuto dalle forze dell’ordine.

Da quel momento i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Policoro e quelli della Stazione di Montalbano hanno tenuto d’occhio il 41enne sino a quando, nel pomeriggio di sabato, dopo aver notato movimenti sospetti presso la sua abitazione, ed in particolare il passaggio sospetto ad alcuni ragazzi del luogo di un qualcosa utilizzando un paniere calato con una corda dal suo balcone, hanno deciso di fare irruzione con il supporto di una squadra del Nucleo Carabinieri Cinofili di Tito.

La conseguente perquisizione domiciliare ha permesso agli uomini dell’Arma, grazie all’infallibile fiuto del cane Shark, di rinvenire 440 grammi di eroina e 6 grammi di marijuana. Inoltre sono stati rinvenuti, occultati all’interno di diversi contenitori, materiale per il confezionamento, un bilancino di precisione e banconote di piccolo taglio per complessivi 2.200 euro circa, ritenuti provento dello spaccio. Parte dell’eroina era già confezionata e pronta per lo spaccio. Al vaglio degli inquirenti la posizione della ragazza che era nell’abitazione del 41enne. Terminate le formalità di rito, l’uomo è stato accompagnato nella Casa Circondariale di Matera.