Quantcast

Violenza di genere e pena di morte, a Marsicovetere due iniziative di sensibilizzazione

Il 25 e 30 novembre uno spettacolo e la proiezione di un film per riflettere

L’Amministrazione comunale di Marsicovetere dice No ad ogni forma di violenza. Ed è in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, che ricorre il 25 novembre, e nella Giornata mondiale contro la pena di morte, che è stata fissata il 30 novembre, l’Amministrazione comunale di Marsicovetere ha organizzato eventi di sensibilizzazione, coinvolgendo gli studenti dell’Istituto Omnicomprensivo di Marsicovetere.

“Il 25 novembre -si legge in una nota dell’Amministrazione- per porre attenzione sul grave fenomeno della violenza domestica, che in casi estremi porta al femminicidio, verrà rappresentato lo spettacolo teatrale dell’autrice Filomena Vasellino dal titolo “Ti amo da morirNe”, che si conclude con una video/lettera dell’autrice sulla sua esperienza di figlia. A seguire un dibattito con la psicologa, nonché assessore alle Politiche sociali, Patrizia Bruno. Saranno presenti gli studenti delle III classi della Scuola secondaria di I grado (ex scuola media) dell’Istituto Omnicomprensivo di Marsicovetere. L’iniziativa si svolgerà dalle 9:00 al Centro sociale “A. Montano” di Villa d’Agri.

Seppur la pena di morte non riguardi l’Italia-prosegue l’Amministrazione comunale- e sembra essere impensabile ed inconcepibile per chi vive ed abita in un Paese democratico, l’Amministrazione comunale di Marsicovetere ha aderito consapevolmente all’iniziativa promossa dalla Comunità di Sant’Egidio entrando a far parte, con delibera di Giunta comunale, delle Città contro la pena di morte denominate “Cities for life”. Si è impegnata, altresì, a collaborare con la Comunità sulla campagna di opposizione mondiale alla pena di morte, ambientando nel comune un evento per riflettere sul tema. Infatti, il 30 novembre prossimo, a partire dalle 9:00 sempre al Centro sociale “A. Montano” di Villa d’Agri, sarà proiettato il film “Dead Man Walking” (Condannato a morte) del regista Tim Robbins. Il titolo del film, uscito nelle sale cinematografiche nel 1995, riprende l’espressione che i carcerieri statunitensi utilizzano per indicare il percorso che il condannato compie fra la sua cella e la sala in cui avviene l’esecuzione capitale. L’iniziativa si svolgerà alla presenza degli studenti delle IV e delle V classi dell’Istituto Tecnico Tecnologico di Marsicovetere, che si interfacceranno con don Marcello Cozzi – responsabile dell’Ufficio Legalità e Dignità Umana dell’Arcidiocesi di Potenza – a conclusione della visione del film, per entrare nel vivo della tematica giuridica, sociale e civile dei Paesi che ancora adottano questa brutale condanna.

“Con l’Amministrazione comunale che guido dal 2019, vogliamo porre l’accento sul concetto di ‘non violenza’ ed essere divulgatori di gentilezza in una società che sta diventando, invece, sempre più violenta: tra le mura domestiche, nei rapporti interpersonali, nelle strade-, ha affermato il sindaco di Marsicovetere, Marco Zipparri-Riteniamo necessario partire dalle Scuole e dai più giovani, per diffondere il concetto umano dell’altro, quale specchio di noi stessi e pertanto meritevole di rispetto. Per questo motivo, abbiamo ritenuto indispensabile coinvolgere la dirigente scolastica dell’Istituto Omnicomprensivo di Marsicovetere, Marinella Giordano, perché con il suo intervento dia all’iniziativa il contributo indispensabile dell’Istituto che guida”.