Quantcast

Mafia, Summa: Accelerare passaggi necessari per istituire la Dia in Basilicata

Il segretario della Cgil: "Alle buone intenzioni e ai proclami da più parti politiche è il momento di far seguire i fatti"

Più informazioni su

“È necessario che in Basilicata si accelerino tutti i passaggi necessari per avere la presenza di una Direzione investigativa antimafia e contrastare la criminalità organizzata”. È quanto afferma il segretario generale della Cgil Basilicata, Angelo Summa. “Alle buone intenzioni e ai proclami da più parti politiche – continua Summa – è arrivato il momento di far seguire i fatti. L’escalation di fatti criminosi, specie in aree della regione già rischio come Scanzano e la costa ionica, ma anche il Vulture Melfese e il potentino, con la sempre più forte contaminazione tra gruppi locali e la mafia calabrese, pugliese e campana, esige interventi immediati. Non si può più aspettare, il tempo è scaduto. La Regione Basilicata faccia sentire la sua voce affinché venga finalmente istituito sul territorio regionale questo importante presidio di legalità.

Bisogna rafforzare la presenza dello Stato anche per non lasciare soli i rappresentatati delle istituzioni e delle amministrazioni pubbliche – aggiunge il segretario della Cgil lucana – sempre più oggetto di atti intimidatori verso coloro che non vogliono assoggettarsi a quell’ area grigia in cui si muovono amministratori locali, pubblici ufficiali e professionisti compiacenti dove si incontrano interessi pubblici e malaffare privato, testimoniato anche dallo scioglimento di qualche consiglio comunale. Una istituzione ancor più necessaria se pensiamo alla piaga del lavoro nero e ai reati di natura ambientale in un territorio a rischio come la Basilicata, dove gli interessi sono molteplici.

La politica deve recuperare il ruolo di garante della legalità attraverso una presenza massiccia nei luoghi più a rischio – conclude Summa – allontanando figure e ombre che possano avvalorare il concetto che malaffare e politica si alimentino in funzione una dell’altra”.

Più informazioni su