Quantcast

Arpab, lavoratori verso lo sciopero

Dopo il caso Tisci dipendenti "pretendono dalla Regione Basilicata l’individuazione di una guida credibile"

I lavoratori dell’Agenzia Regionale per l’Ambiente della Basilicata verso lo sciopero. E’ quanto emerge dall’assemblea che si è  tenuta oggi, 3 marzo, sulla “gravissima situazione che vive l’ente a causa dell’inspiegabile attendismo nella definizione della questione sulla sospensione del dg Antonio Tisci”.

A spiegare di cosa si è discusso e cosa si prospetta per il futuro i sindacati Fp Cgil, Uil Fpl e Fsi “È infatti passato quasi un mese dal giorno in cui il direttore è stato sospeso e nulla è accaduto. La Regione Basilicata sceglie di non scegliere e di non dare le giuste risposte ai lavoratori e ai cittadini, vista la natura dell’agenzia che nasce per la tutela dell’ambiente e quindi della salute della popolazione lucana. Un’agenzia che fino a oggi, a causa dell’instabilità della governance, ha peccato di carenza di programmazione anche in termini di fabbisogni del personale. Mancano i dirigenti, sono tanti i lavoratori con contratto a termine per i quali non si conoscono le prospettive”.

I lavoratori, indignati ed esasperati dalla situazione, -aggiungono i sindacati-ma determinati nel pretendere dalla Regione Basilicata l’individuazione di una guida credibile, che rispetti quanto previsto dalle linee guida del servizio nazionale per la protezione ambientale e che garantisca trasparenza, equità e competenza hanno chiesto di proseguire lo stato di agitazione. È necessario lanciare al presidente Bardi un messaggio forte che determini una decisione immediata. L’agenzia non può essere lasciata solo al senso di responsabilità dei suoi lavoratori che, nonostante tutto, continuano a garantire tutte le attività proprie dell’Arpab e non sono più disposti a tollerare ulteriori rinvii. Per questo abbiamo deciso, senza se e senza ma, di proseguire lo stato di agitazione, chiedere un incontro al prefetto e, qualora l’attuale situazione permanga, di proclamare una giornata di sciopero in data 21 marzo, giornata della legalità.

Lo dobbiamo ai cittadini, lo dobbiamo ai lavoratori dell’Arpab. Dopo anni di instabilità, -concludono- adesso pretendiamo che legalità e trasparenza, nonché una governance qualificata e affidabile, garantiscano il rilancio dell’Arpab e mettano fine al clima di incertezze e tensioni in cui hanno vissuto i suoi lavoratori negli ultimi anni”.