Quantcast

Stellantis: si aggrava la crisi

Organizzazioni Sindacali e la RSA di Stabilimento: "grande preoccupazione per la situazione congiunturale che purtroppo vede un aggravarsi della situazione produttiva"

Si è appena concluso l’incontro tra la direzione di Stellantis, le Organizzazioni Sindacali e la RSA di Stabilimento. Al centro della discussione, l’analisi del perdurare e dell’acuirsi delle problematiche legate all’approvvigionamento dei semiconduttori.

L’azienda ha esplicitato in modo chiaro che in aggiunta alla crisi già in corso per l’approvvigionamento dei semi conduttori, in queste settimane, la drammatica situazione della guerra tra Russia e Ucraina, che vede quei territori come produttori leader di materia prima per la costruzione dei microchip, aggrava sempre di più qualsiasi tipo di programmazione produttiva.

In tal senso, l’ipotesi di salita produttiva, annunciata nelle settimane scorse, al momento non è più percorribile e a partire dal 4 aprile lo stabilimento passerà dagli attuali 17 turni a 15 turni, con un conseguente esubero giornaliero provvisorio di 1500 unità.

Questa situazione pone l’esigenza di rivedere anche lo strumento di ammortizzatori sociali in essere; infatti a partire dal 4 aprile sarà riproposto un contratto di solidarietà con le nuove regole del 2022 che prevedono una “riduzione massima dell’80% di stabilimento”.

Le Organizzazioni Sindacali e la RSA, esprimendo grande preoccupazione per la situazione congiunturale che purtroppo vede un aggravarsi della situazione produttiva, ritengono, anche considerato che gli ammortizzatori sociali in essere hanno una durata che non va oltre il mese di luglio, indispensabili, come già annunciato dal Governo, strumenti straordinari per affrontare questo momento drammatico e di transizione e per dare un aiuto concreto al reddito dei lavoratori che da un lato viene falcidiato da mancanza di lavoro e dall’altro dall’aumento del petrolio e dell’energia.

In attesa dell’incontro del prossimo martedì 22 marzo con Stellantis, le Organizzazioni Sindacali metteranno in campo ogni azione utile affinché dalla Regione e dal Governo non arrivino solo annunci ma fatti concreti affinché a Melfi non si perda nessun posto di lavoro.

Inoltre la delegazione sindacale ha richiesto un incontro specifico per trattare la tenuta occupazionale di tutta l’area industriale di Melfi, in linea con l’accordo del 25 giugno; oggi bisogna, in particolar modo vista la situazione attuale, evitare di fare efficienza sui lavoratori.

FIM FIOM UILM FISMIC UGLM AQCF