Quantcast

Ucraina, dalla Basilicata a Roma per manifestare contro la guerra

In partenza, domani 5 marzo, quattro pullman. Iniziativa di Cgil, Libera, Acli, Arci e Rete degli studenti medi

La Cgil Basilicata, insieme a Libera, Acli, Arci e Rete degli studenti medi, ha organizzato quattro pullman – due da Lagonegro, uno da Potenza e uno da Matera – in partenza per Roma domani, 5 marzo, per partecipare alla manifestazione nazionale contro la guerra indetta dalla Rete italiana pace e dal mondo associativo.

Lavoratrici, lavoratori, giovani e pensionati insieme in piazza per rivendicare fortemente la fine della guerra in corso e la sottoscrizione di un trattato di pace tra Russia e Ucraina. Il concentramento dei manifestanti nella capitale sarà a piazza della Repubblica alle 13 e il corteo si muoverà alle 14 circa per raggiungere piazza San Giovanni dove, al termine degli interventi delle associazioni promotrici, concluderà la manifestazione il segretario generale della Cgil nazionale, Maurizio Landini.

“Saremo in piazza per manifestare tutta la nostra solidarietà alla popolazione ucraina, vittima di una assurda e inaccettabile aggressione militare da parte della Russia. Aggressione che condanniamo senza se e senza ma – afferma il segretario generale della Cgil Basilicata, Angelo Summa -. Riteniamo importante manifestare uniti con il movimento per la pace per ribadire l’urgenza di raggiungere quanto prima il cessate il fuoco, aprire il negoziato e proteggere la popolazione civile. Non è con l’invio delle armi, ma con il negoziato, la diplomazia, la cooperazione, la forza della democrazia e della non violenza che riusciremo a costruire l’Europa di pace – conclude Summa – e consentire al popolo ucraino e al popolo russo di vivere in libertà e senza oppressori”.