Quantcast

Policoro, “appalto farsa per il servizio legale del Comune”

I consiglieri comunali Modarelli e Maiuri: Molte le “anomalie” riscontrate nel bando

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa dei consiglieri comunali di Policoro, Giuseppe Maiuri e Gianluca Modarelli  sul bando per l’affidamento del servizio legale del Comune.

“A tuonare contro quello che ritengono essere un appalto dal finale già scritto, sono i consiglieri di minoranza Giuseppe Maiuri e Gianluca Modarelli, che nei giorni scorsi insieme ai loro colleghi Gianni Di Pierri, Francesco Mitidieri e Domenico Ranù, hanno inviato una nota a Gaetano Rinaldi, Dirigente del primo settore del comune jonico, con cui chiedono la immediata revoca del bando per l’affidamento del servizio legale dell’ente.

Molte le “anomalie” riscontrate in un bando per un servizio che è stato già illegittimamente prorogato per oltre tre anni e che anziché favorire la più ampia partecipazione dei tanti avvocati presenti sul territorio, sembra essere stato ritagliato su misura per un solo soggetto.

Requisiti di partecipazione immotivatamente restrittivi e illogici, convergenti in unica direzione, mancato ricorso alla centrale unica di committenza per la gara, nonostante la relativa obbligatorietà trattandosi di un appalto di 200.000 euro nette per tre anni, mancanza di valutazione sulla opportunità economica del servizio legale, impossibilità per ogni eventuale concorrente “esterno” di formulare un’offerta economica con cognizione di causa, sono solo alcune delle “stranezze” che rendono questo bando materiale da portare all’attenzione di ulteriori approfondimenti.

“Se si vuole davvero dare una svolta” condividendo la posizione anche di Mitidieri e Ranù, “occorre iniziare ad agire con trasparenza, con i fatti, concedendo, così, a tutti opportunità di lavoro eque e meritocratiche, che non possano essere barattate in nessun caso e per nessun motivo”. Giuseppe Maiuri e Gianluca Modarelli consiglieri comunali di Policoro