Quantcast

Stellantis Melfi, Fiom: Peggioramento continuo delle condizioni di lavoro

L’azienda sta continuando a rimuovere lavoratori dalle linee comunicando dei mix produttivi che vengono continuamente disattesi, nel mentre cresce il ricorso agli ammortizzatori sociali

Ieri (4 aprile ndr) nella riunione tra l’azienda e le Rsa dello stabilimento sul cambio mix abbiamo visto che le preoccupazioni espresse dalla Fiom nell’incontro del 22 marzo circa il continuo peggioramento delle condizioni di lavoro nello stabilimento erano oltremodo fondate. Lo afferma la Fiom Cgil in una nota.

L’azienda -prosegue la Fiom-sta continuando a rimuovere lavoratori dalle linee comunicando dei mix produttivi che vengono continuamente disattesi, nel mentre cresce il ricorso agli ammortizzatori sociali e altri 500 esodi “volontari” sono resi possibili. Registriamo però contrariamente al 22 di marzo un giudizio negativo di tutte le organizzazioni sindacali anche se manifestato a nostro avviso tardivamente e nel luogo sbagliato, rispetto all’inasprimento delle condizioni di lavoro nello stabilimento.

E’ necessario in una fase come questa che tutti i soggetti che hanno sottoscritto un accordo importante come quello sottoscritto il 25 giugno abbiano un profilo di coerenza, perché gli investimenti importanti previsti per lo stabilimento dovranno, garantire occupazione salario e il miglioramento delle condizioni di lavoro. Non accetteremo-conclude il sindacato dei metalmeccanici- che si facciano passi indietro rispetto agli impegni assunti e definiti nell’accordo.