Quantcast

Ruoti, inaugurato largo intitolato a don Peppino Stolfi foto

In contrada Serra di Pepe lo spazio in memoria dello storico parroco

Più informazioni su

Si è tenuta nel pomeriggio di ieri, in contrada Serra di Pepe di Ruoti, alla presenza del sindaco Anna Maria Scalise, del vicesindaco Maria Troiano e dell’assessore Franco Gentilesca, del parroco della comunità don Mimmo Lorusso e del sindaco di Avigliano Giuseppe Mecca, l’inaugurazione della prima piazza della frazione e l’intitolazione del largo allo storico parroco don Peppino Stolfi che ha servito la comunità religiosa della contrada ruotese per ben 50 anni.

“Evangelizzare implica zelo apostolico.-afferma don Mimmo Lorusso in una nota- La Chiesa è chiamata a uscire da sé stessa e ad andare verso le periferie, non solo quelle geografiche, ma anche quelle esistenziali, lo dice sempre Papa Francesco ma è quello che da sempre don Peppino, con i suoi scarponi da pellegrino ha fatto nelle periferie locali e soprattutto nella piccola periferia di Ruoti di 250 abitanti.

“Prendendo spunto dalle parole del Pontefice, anche noi come amministrazione comunale, abbiamo voluto dare un segnale forte anche e soprattutto nelle periferie. L’inaugurazione di ieri è la testimonianza di come l’attenzione a tutta la comunità debba essere sempre il primo obiettivo di un buon governatore. Il largo è stato realizzato grazie all’intercettazione dei fondi della legge 51 e siamo ben lieti di aver realizzato uno spazio che possa aggregare ed essere spazio di condivisione della comunità di Serra di Pepe” – ha affermato il sindaco Anna Maria Scalise.

“In 74 anni di sacerdozio don Peppino ha seminato nel cuore di chiunque lo ha incontrato semi di quella speranza cristiana che ha sempre imperato nella sua vita di credente e di sacerdote. Oggi è un giorno storico per la nostra comunità, un giorno importantissimo per tutti noi, siamo felici ed orgogliosi che la prima intitolazione qui sia dedicata a lui” – conclude il sacerdote.

L’evento è stato allietato con un intermezzo musicale e voce di Roberta Giannini, che è riuscita a trasmettere forti emozioni, ed una testimonianza di una portavoce della piccola comunità religiosa. L’evento si è concluso con un dono realizzato dalla “ricamatrice” Gabriella Corbo di Avigliano alla chiesa di Sant’Antonio di Serra di Pepe, raffigurante don Peppino Stolfi.

Più informazioni su