Al via l’ottava edizione de “Le Muse di Sinisgalli nell’Orto di Merola”

Dal 25 luglio a Montemurro

Torna la rassegna estiva della Fondazione Leonardo Sinisgalli “Le Muse di Sinisgalli nell’Orto di Merola”. In questa ottava edizione si introducono tre nuovi progetti: “Itinerari sinisgalliani”, “Vidi le Muse” e “Pensieri eretici”. In programma a Montemurro, in Piazza Giacinto Albini a partire dalle 21.00, otto appuntamenti fra arte, narrativa, teatro, poesia, nel segno della contaminazione tra discipline cara a Leonardo Sinisgalli. Si comincia lunedì 25 luglio con la serata in memoria dell’artista Rocco Falciano, originario di Potenza, a dieci anni dalla scomparsa. Dopo i saluti istituzionali dei soci della Fondazione Sinisgalli, la conversazione con lo storico dell’arte nonché figlio dell’artista, Marco Falciano, e la politica e saggista Annamaria Riviello, ricostruirà una parte del percorso artistico di Falciano, quello dei dipinti, delle sculture e del suo testo letterario “Il treno d’argento”, memoriale sull’Italia dei pittori e dei poeti fra il 1950 e il 1990. Nella stessa serata verrà inaugurata, nella Casa delle Muse, la mostra antologica dell’opera di Rocco Falciano, con opere scelte che attraversano gli oltre dieci lustri della sua produzione artistica, dal 1958 al 2011. La serata sarà accompagnata dalle note dell’arpa di Daniela Ippolito.

Martedì 2 agosto spazio alla narrativa con la presentazione del volume collettivo “Amati Misteriosi Maledetti – Racconti di luoghi” (Editrice Hermaion, 2022) scritti da diciassette narratori assai diversi tra loro che delineano altrettanti orizzonti, coordinati dallo scrittore e poeta Giampiero D’Ecclesiis. Con D’Ecclesiis firmano i racconti Anna Maria Basso, Michele Battaglino, Antonio Califano, Piera Carlomagno, Lorenza Colicigno, Ione Garrammone, Gianrocco Guerriero, Angelo Lucano Larotonda, Antonella Marinelli, Giuseppe Melillo, Raffaele Nigro, Angelo Parisi, Antonio Petrocelli, Biagio Russo, Mimmo Sammartino, Mario Trufelli. Alle voci degli autori si unirà la musica del Festina Lente Quartet Lucano con Sergio Santalucia al mandolino, chitarra, organetto, Antonio Anzalone alla chitarra e mandolino, Nicola Chiella, clarino e fisarmonica, Michele Esposito, chitarra classica.

Sabato 6 agosto sarà una serata nel segno del giallo grazie alla presenza di Piera Carlomagno, scrittrice e giornalista, nonché direttrice artistica del SalerNoir Festival. Verrà presentato il romanzo “Nero lucano” (Solferino, 2021). In una Matera invernale e inquietante, di straordinario fascino tra tempeste e gravine, si svolge la corsa contro il tempo dell’anatomopatologa Viola Guarino, un po’ scienziata un po’ strega, sulle tracce di un serial killer implacabile. Gli accompagnamenti musicali saranno curati da Pina Lobosco (violino) e Fabio Perri (chitarra).
Appuntamento con il teatro martedì 9 agosto, per un originale incontro con il vino e la sua storia. Protagonista della serata sarà l’attore, regista, scrittore e poeta Antonio Petrocelli con il suo spettacolo “Cin cin”, un viaggio nella storia del vino, da Noè a Giacomo Tachis. Un brindisi alla vita e alla cultura.