Quantcast

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Cibo biologico: quali sono i requisiti da rispettare?

Negli ultimi tempi si sente sempre più spesso parlare di alimentazione healthy. In quanti però saprebbero riconoscere le principali caratteristiche del cibo biologico?

Ebbene, sì. Non basta mangiare solo prodotti verdi e multivitaminici per dire di aver convertito radicalmente le proprie abitudini alimentari. Quante volte vi siete trovati a dover smentire quell’amico che, dopo aver inserito nel carrello della spesa un’insalata iceberg in busta, ha giurato di passare ad uno stile di vita green?

Il concetto di biologico, sebbene si sia fatto strada con perseveranza nei giorni nostri, si trova ad essere spesso oggetto di confusi dibattiti. Questo accade perché molte persone tendono a confondere l’alimentazione biologica con il vegetarianismo o, ancora peggio, con la lotta per il dimagrimento.

Passare ad un regime alimentare biologico, però, non vuol dire rinunciare alla carne e di certo non ha nulla a che fare con la perdita di peso (anche se spesso le due cose combaciano).

Difatti, un’alimentazione biologica, per dirsi tale, si sottopone a metriche precise, stabiliti da Commissioni e codici normativi anche piuttosto rigidi. Ma quali sono dunque i requisiti che possono affibbiare un prodotto alla grande famiglia del cibo biologico? Scopriamolo.

Cibo biologico: le caratteristiche principali

Riconoscere il cibo biologico è piuttosto semplice, poiché esso viene contrassegnato con l’inequivocabile dicitura “BIO” sull’etichetta e anche con la presenza del logo Unione Europea.

Capire a cosa si fa riferimento quando parliamo di prodotti biologici è però più complesso, ecco perché è importante fare chiarezza.

Per prima cosa all’interno del cibo biologico non vi è traccia alcuna di ingredienti transgenici: nell’alimentazione bio nessuna modifica genetica è ammessa e i prodotti hanno l’obbligo di essere free OGM . Per quel che riguarda frutta e verdura, si dicono biologici sono i prodotti ottenuti grazie ai regolari cicli naturali e senza alcuna tecnica di concimazione artificiale.

Il cibo biologico rispetta l’ambienta e lo si riconosce anche per questo: la produzione di questa tipologia di alimenti non reca danni al suolo, agli organismi animali, alla biodiversità o all’atmosfera.

L’agricoltura bio rinuncia infatti a tutte quelle tecniche e quei mezzi che richiedono un eccessivo consumo energetico, limitando così le possibilità di gravare sull’ambiente.

Il cibo biologico e la salute

Alimentazione biologica e salute sono due cose che camminano di pari passo. L’assenza di sostanze chimiche e potenzialmente cancerogene, infatti, scongiura il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari o degenerative.