Quantcast

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Estrattori d’ aria per tutti gli usi: Guida alla scelta

Ogni ambiente chiuso ha bisogno di un livello di aerazione adeguato, per raggiungere il quale occorre impiegare un estrattore d’aria. Questo dispositivo assicura il ricambio di aria che serve per fare in modo che le condizioni di salubrità e di ossigeno adatte all’uso di quell’ambiente. Ad esempio il ricambio d’aria per le cucine è indispensabile come quello per i bagni; A questo proposito ci sono diversi aspetti di cui è bene tenere conto, come la potenza e la velocità dell’aria quando si sceglie un aspiratore d’aria. Anche nella coltivazione indoor di piante è bene basilare scegliere un aspiratore con la portata adatta alla superfice di coltivazione.

Estrattori d’aria per uso cucina o per bagno

Prima di scegliere un estrattore aria è necessario ponderarne sia l’utilizzo sia l’ambiente in cui verrà istallato questo utile e comune strumento. Esistono infatti diversi modelli di estrattori con applicazioni differenti; quindi certamente un aspiratore non è uguale all’altro. Prima di tutto bisogna conoscere il volume dell’ambiente dove va istallato e con questo dato se ne deduce la potenza e la misura necessaria da comprare.
Un estrattore d’aria per uso cucina ad esempio necessita oltre che di una buona resistenza all’umidità ed il calore, anche di un livello di silenziosità accettabile. Questi modelli sono spesso denominati aspiratori industriali.

Altresì un Estrattore d’aria per uso bagno necessita di silenziosità e resistenza all’umidità, ma sono modelli decisamente più economici e facili da reperire. Alcuni di essi vengono equipaggiati con filtri anti odore per eliminare le esalazioni sgradevoli.

Estrattori d’aria per grow box e coltivazione indoor

Questi modelli sono utilizzati molto spesso per le coltivazione indoor, pratica per la quale è basilare installare un estrattore d’aria di adeguata potenza. Nella coltivazione in interno il ricambio d’aria è un fattore imprescindibile per la crescita salubre e rigogliosa delle piante. Poiché le piante mangiano co2 e emettono ossigeno è sempre necessario reintegrare i livelli di co2 necessari alla fotosintesi clorofilliana.
La scelta del modello e della potenza adatta è fondamentale. A questo proposito vi suggeriamo la seguente formula utilissima per non sbagliare l’acquisto dell’aspiratore.
In genere la regola/formula da seguire è Volume dell ambiente x  1,25 x 60 minuti. Ad esempio: In una superfice di 4 metri quadri con altezza 3m. 4×3 = V 12m3 x 1,25 = 15 m3 x 60 min = 900 m3/h
In conclusione per 4m2 di stanza sarà necessario un estrattore di potenza pari a 900 m3/h

Come sono fatti gli Estrattori, di seguito i modelli più comuni

Estrattori d’aria elicoidali: Sono tra i modelli più comuni che si possono trovare in commercio. Questi dispositivi hanno il rotore a forma di un’elica, possono essere impiegati per condotte fino a 4 o 5 metri di lunghezza e possono essere collegati con i filtri a carboni attivi. In genere vengono impiegati per bagni, ma anche per le cantine e le taverne e garage.
Estrattori d’aria assiali: Questi dispositivi Possiedono un motore assiale o in linea più potente degli elicoidali, ma anche più rumoroso per via del rotore assiale. In genere questi aspiratori vengono utilizzati in cucine o in ambienti di medie dimensioni e possono essere collegati con condotte anche fino a 8 metri di lunghezza senza pregiudicarne la portata d’aria.

Estrattori industriali cassonati e insonorizzati: Questi aspiratori sono i più potenti e professionali, vengono applicati in ambienti industriali e cucine di grandi dimensioni molto spesso anche in cappe con sistema di filtraggio.
Estrattori silenziati e insonorizzati: Questi modelli sono equipaggiati con uno speciale rivestimento in lana di roccia  o spugna per diminuire la rumorosità, vengono installati in ambienti dove è necessario scongiurare il rumore e le vibrazioni

 I consigli per un corretto utilizzo degli aspiratori

In un contesto domestico, un adeguato ricircolo di aria previene la comparsa di muffe, dal momento che favorisce la scomparsa dell’aria stagnante. Nel caso in cui l’impianto di aerazione si dimostri troppo rumoroso, si può fare affidamento su tubazioni insonorizzate o su silenziatori d’aria. In commercio esistono anche aspiratori insonorizzati all’avanguardia che assicurano un silenzio ottimale. Gli aspiratori insonorizzati sono realizzati con materiali fono-assorbenti e offrono prestazioni ottimali senza generare il rumore che è dovuto al passaggio di aria, così come quello causato alle vibrazioni del motore in funzione. Anche questi aspiratori possono essere adoperati con un filtro carbone, come i modelli centrifughi e a differenza degli aspiratori assiali in linea.