Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Gomme auto: usura valutabile in 3 trucchi veloci

Circolare in auto con le gomme usurate, espone chiunque ad ingenti pericoli, sia per coloro che sono alla guida del mezzo che per chi incrocia la loro strada. Inoltre, se si dovesse venire fermati ad un posto di blocco, si potrebbe incorrere in pesanti sanzioni.
Come capire quindi se gli pneumatici sono ancora nella condizione di viaggiare? Basta verificare il livello di usura, valutabile in 3 trucchi veloci.

  1. L’indicatore di usura

Un piccolo tassello in gomma, situato sul fondo della scanalatura della gomma, ricopre la funzione di indicatore di usura. Con uno spessore di 1.6 mm, determina il livello minimo sotto il quale la legge non permette di circolare, quindi, una volta che il battistrada avrà raggiunto l’altezza del tassello, andrà assolutamente sostituito.

Per individuare il punto esatto dell’indicatore, in corrispondenza sul fianco dello pneumatico, si potrà trovare un piccolo segno, solitamente il logo del brand, oppure un triangolo o la sigla TWI, acronimo di Tread Wear Indicator.
Alcune tipologie di gomme, anziché usare l’indicatore standard, imprimono sul battistrada una scala numerica dove, ad ogni numero, corrisponde il livello di usura raggiunto. Mano a mano che la gomma si deteriora, i numeri scompariranno in successione, come ben indicato sugli pneumatici presentati su sacconblog.it.
Alcuni marchi, inoltre, adottano, oltre all’indicatore legale, anche un altro che ne indica il livello sotto il quale le prestazioni della gomma cominciano a calare, soprattutto sul bagnato. Generalmente tale limite è fissato a 4 mm.

  1. Il calibro di profondità

A differenza dell’indicatore di usura, che determina appunto il livello di usura del battistrada, ma in maniera approssimativa, il calibro di profondità offre la possibilità di effettuare una misurazione di precisione. Questo piccolo strumento, reperibile praticamente in qualsiasi autoricambi o reparto apposito di centri commerciali per pochi euro, restituisce una misura precisa in qualsiasi punto dello pneumatico, anche se questo presentasse un’usura irregolare.

  1. Il trucco della moneta

Se ci si dovesse trovare sprovvisti del calibro di profondità, un’alternativa facilmente reperibile potrebbe essere quella della moneta. Basterà inserire una moneta nella scanalatura per avere indicativamente il livello di usura del battistrada:

  • gomma estiva: procurarsi una moneta da 1 € e controllare, una volta inserita nel battistrada, che le stelle sul bordo non siano visibili. Se lo fossero, la gomma è da sostituire;
  • gomma invernale: in questo caso, la moneta da utilizzare è quella da 2 €. Se il bordo esterno della moneta, quello argentato, superasse la scanalatura, la gomma sarebbe da sostituire.

Più informazioni su