Quantcast

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

L’importanza della prevenzione negli over 65 e il ruolo delle residenze per anziani

Attraverso la Ricerca sappiamo ormai quanto sia importante la prevenzione ad ogni età, soprattutto tra gli over 65. Grazie a screening precoci, una corretta alimentazione e attività fisiche adatte alle proprie condizioni è possibile ridurre il rischio di contrarre malattie, migliorare la risposta terapeutica nei trattamenti delle patologie e aumentare la qualità di vita anche durante la terza e la quarta età.

Oggi questo approccio viene adottato da molte residenze per anziani, dalle case di riposo alle RSA, dove la prevenzione negli anziani rappresenta un riferimento importante per garantire il massimo benessere psicofisico degli ospiti. Ovviamente è fondamentale scegliere con attenzione le strutture giuste, rivolgendosi ai gruppi più rinomati in questo campo, in grado di assicurare elevati standard qualitativi.

Per questo motivo è fondamentale effettuare delle ricerche appena su siti web di aziende autorevoli tra cui orpeaitalia.it, il portale ufficiale di Orpea Italia. Il gruppo mette a disposizione 22 strutture di alta qualità per l’assistenza degli anziani, dove trovare ambienti funzionali, sicuri e confortevoli, rinomati per adottare un approccio innovativo nella cura delle persone fragili, prestando la massima attenzione al ruolo della prevenzione nella salute fisica e psicologica degli over 65.

Come funziona la prevenzione nella terza età

Per stare in salute è indispensabile seguire i consigli provenienti dalla Ricerca sulla corretta prevenzione, a partire dalla cura dell’alimentazione e dello stile di vita, fino al rispetto di una serie di esami e visite di controllo da realizzare dai 24 anni in su. Naturalmente, dopo i 65 anni è necessario presentare maggiore attenzione, poiché l’invecchiamento aumenta il rischio di contrarre patologie croniche e malattie debilitanti, rendendo ancora più importante la prevenzione per la diagnosi precoce.

La prevenzione può essere suddivisa in tre tipi di attività. Quella primaria prevede il mantenimento di una vita attiva con una dieta sana ed equilibrata, per ridurre le probabilità di sviluppare una patologia. La prevenzione secondaria è necessaria per identificare eventuali disturbi e malattie quanto prima possibile, minimizzando il rischio che la patologia raggiunga uno stadio grave ed evitando di sottoporsi a trattamenti eccessivamente invasivi, aumentando le chance di sopravvivenza.

Infine bisogna seguire anche le regole per la prevenzione terziaria, adottando una serie di azioni per il contenimento delle conseguenze delle malattie e degli effetti provocati dai trattamenti delle patologie pregresse. Al giorno d’oggi le migliori strutture per anziani tengono di queste indicazioni fornite dalla Ricerca, offrendo un approccio innovativo nell’assistenza degli over 65, dalla prevenzione delle malattie attraverso un’alimentazione di qualità, biologica e variegata, fino alla realizzazione di esami e screening mirati per l’identificazione precoce delle malattie.

Questa strategia consente di migliorare il benessere degli anziani ospitati nelle residenze specializzate, dove possono ottenere un supporto a 360 gradi, in grado di incidere in modo significativo sull’aspettativa di vita nella terza età. Risultati importanti sono ottenuti grazie a un approccio multidisciplinare, per intervenire in modo più completo ed esaustivo, utilizzando nuclei specializzati per offrire ad ogni anziano un’assistenza personalizzata, studiata in base alle esigenze specifiche degli ospiti.

I controlli consigliati per la prevenzione negli over 65

Con l’avanzare dell’età aumenta il numero e la frequenza dei controlli necessari per la corretta prevenzione, in quanto sale il rischio di contrarre una serie di patologie. Innanzitutto bisogna effettuare l’autopalpazione dei testicoli almeno una volta al mese, per individuare eventuali gonfiori e forme non comuni che potrebbero richiedere la realizzazione di esami più approfonditi. Inoltre, ogni anno andrebbe eseguita una visita odontoiatrica, per la prevenzione dei disturbi delle gengive e dei denti.

Allo stesso modo, con cadenza annuale è consigliata una visita oculistica per il monitoraggio dei difetti della vista, una visita dermatologica per il controllo della pelle e la prevenzione dai melanomi, oltre a una visita cardiologica completa realizzata con elettrocardiogramma. Gli esperti suggeriscono anche un esame del sangue, delle urine e delle feci almeno una volta l’anno per gli over 65, per verificare lo stato di salute generale, identificare eventuali sintomi di tumori al colon-retto e controllare la corretta funzionalità dei reni.

Altri interventi di prevenzione consigliati sono una visita urologica attraverso l’esame del PSA, per rilevare tracce della presenza di patologie alla prostata, oltre a una visita otorinolaringoiatrica per accertarsi delle condizioni della faringe e testare le performance respiratorie. L’integrazione di esami e visite preventive all’interno delle residenze per anziani consente di ottenere risultati notevoli, per ottimizzare la tempestività della capacità diagnostica e ridurre al minimo i rischi e le conseguenze della senilità.