Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Piattaforme del web, quali sono le più note

Scegliere le migliori piattaforme del web è un’esigenza sempre più avvertita da parte di chi investe in rete, all’interno di quel macro settore che prende il nome di trading online. Una piattaforma è un broker che fornisce i propri servizi di intermediazione direttamente online; non più, quindi, una persona fisica come nel caso di un consulente o di una banca.
Alla base di tutto vi è un processo di dematerializzazione che ha riguardato un po’ tutto il mondo, con riferimento al nostro vivere quotidiano. Anche il settore degli investimenti non poteva restare indifferente a questa dinamica ed oggi si giova di questi strumenti che andremo ad analizzare nel dettaglio; perché, come noto, investire attraverso la rete non è soltanto una grande opportunità in termini di semplificazione, ma anche un rischio da non sottovalutare.

Le piattaforme dalla rete

Le piattaforme in rete funzionano così: ci si registra aprendo un account, si apre quindi un conto e si inizia ad investire. L’opportunità c’è ovviamente, come si diceva, legata alla comodità, ad una maggiore semplificazione in quanto si può investire anche da casa. Ma attenzione ai rischi, occorre saperlo fare; e soprattutto, è necessario affidarsi a realtà che siano in regola.
Molte piattaforme presenti sul web, a questo riguardo, operano senza avere i requisiti di legge; il che mette a repentaglio il patrimonio di chi investe. Ecco perché ci si deve affidare solo a broker regolamentati e che possano garantire un minimo di affidabilità.
Tra le piattaforme più famose della rete ci sono Plus500, noto per essere lo sponsor dell’Atletico Madrid e per essere diventato da poco main sponsor dell’Atalanta; per chi volesse informazioni ulteriori è possibile consultare un approfondimento sulla piattaforma di Plus500 all’interno del quale ne viene spiegato il meccanismo.
Altro nome che sta girando tantissimo, anche in Italia, a livello di pubblicità televisiva e sui vari media, è e-Toro: e per parlare anche qui di accordi con club calcistici, la piattaforma famosa per il social trading ha stretto partnership con alcuni club della Premier League (campionato di calcio inglese).

Investire nel Trading Online è sempre un rischio

L’elenco potrebbe continuare, ciò che conta comprendere è che ci si deve affidare a nomi noti, al di là dei consigli singoli che possano essere forniti. Il che non vuol dire che chi investe riuscirà a guadagnare (il guadagno nel trading online resta comunque riferito ad una percentuale molto bassa di trader), ma quantomeno che non metterà i propri soldi a rischio truffa affidandoli ad un broker che non abbia neanche i requisiti di legge per operare.