Quantcast

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Si torna a viaggiare negli Stati Uniti: finalmente!

Già da ora tutti i cittadini italiani possono tornare a muoversi liberamente all’interno delle regioni di colore giallo, cioè con rischio di contagio basso. Per il turismo è, finalmente, arrivata l’ora di ritornare alla normalità, seppur gradualmente e con alcune restrizioni ancora in vigore. Non solo turismo interno per visitare il Belpaese, ma si parla anche di viaggi all’estero che tanti agognano ma mesi e mesi come quelli negli Stati Uniti d’America.

Come viaggiare negli Stati Uniti

La maggior parte della località turistiche sparse nel mondo accetta i turisti che presentano un tampone negativo effettuato entro determinati limiti di tempo, in genere 48 ore. Tuttavia, dall’altra parte alcuni Paesi richiedono differenti documenti per viaggiare, come gli Stati Uniti d’America.

Le autorità del paese a stelle e strisce hanno confermato che accettano solo persone che si siano vaccinate entro i loro confini. Chi ha completato il percorso vaccinale è, dopotutto, in una sorta di categoria privilegiata: non solo viaggiare ma anche stare senza mascherina sia all’aperto che al chiuso.

A dare la notizia è stata la direttrice del CDC, Centers for Desease Control and Prevention, Rochelle Walensky. Non si tratta quindi di un “liberi tutti” poiché ci vuole ancora una certa prudenza contro il virus. Le mascherine dovranno esser indossate in alcuni luoghi sensibili, come dal medico, oppure se previsto dei singoli stati. Per il resto, i turisti che arrivano nel nuovo continente potranno assaporare l’aria fresca e la normalità. È sufficiente presentare il certificato vaccinale o equivalente, assieme ad altri documenti , cioè i soliti per viaggiare fuori dall’Unione Europea come il visto ESTA. Per quanto riguarda il periodo di validità dell’ESTA, è di due anni dalla data di rilascio. Invece la durata del soggiorno negli USA non deve superare i 90 giorni consecutivi, cioè 3 mesi.

New York riapre ai turisti il 1° luglio

Gli Stati Unti sono quindi pronti a ripartire e New York è in testa. Il sindaco della metropoli numero uno sul pianeta, Bill de Blasio, ha annunciato che le attività apriranno i battenti ufficialmente già il 1° di luglio. Teatri, cinema, bar, ristoranti, musei e altre attività potranno aprire anche ai turisti esteri e funzionare come di consueto senza restrizioni alcune.

La città sarà aperta per l’estate grazie a una campagna vaccinale di successo. Il primo cittadino ha confermato che questa che verrà sarà l’estate con New York protagonista. Grazie anche alle molte attività culturali, la grande mela si lascerà il passato alle spalle e si apre verso un nuovo futuro. D’altronde, il sindaco sa benissimo che il turismo è una fetta importante per la città.

La gente si riverserà nelle strade come un tempo, tanta è la voglia di riprendere con la solita vita e soprattutto con i viaggi. Infatti, il principale desiderio delle persone è tornare alla normalità, a spostarsi liberamente e viaggiare. La ripresa del turismo e la riapertura dei confini segna per moltissimi la luce infondo al tunnel.