Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Viaggiare in tempi di Covid-19: le mete preferite degli ultimi mesi

Questo 2020 è stato sicuramente un anno particolare per molti punti di vista, e la pandemia Covid-19 ha fortemente impattato su moltissimi settori. Uno di questi è quello del turismo e dei viaggi in generale. Il Coronavirus infatti, ha costretto moltissime persone a ripensare al modo in cui spostarsi, anche per un semplice week-end fuori porta. In questo scenario però, entrano in gioco i Travel trends di Omio, che ci permettono di comprendere in pochi attimi quali sono state le reali mete preferite dagli italiani degli ultimi mesi.

Viaggiare in Italia ai tempi del Coronavirus

Viaggiare ai tempi del Coronavirus non è semplice, e su questo sono tutti d’accordo. Difficile però non significa impossibile. Tralasciando dunque quelle regioni sottoposte a lockdown, seppur parziale, da cui non è possibile uscire se non per motivi giustificati, per tutte le altre con qualche accorgimento supplementare una pianificazione a breve termine non è inverosimile da attuare. Fermo restando che la situazione è in continua evoluzione anche perché le misure verranno riformulate al variare della condizione epidemiologica.

Al momento a causa del DPCM del 3 novembre il nostro Paese è stato suddiviso in tre colorazioni, e ogni Regione appartenente ad uno di questi gruppi è sottoposto ad obblighi differenti. Attualmente solamente l’area gialla può spostarsi liberamente anche se con il coprifuoco dalle 22:00 alle 5:00 sempre attivo. Via libera dunque solo per Lazio, Sardegna, Veneto, Provincia autonoma di Trento, e Molise, quindi le possibili mete non possono che avvenire in queste zone.

Vacanze in Europa e Coronavirus: dove andare?

La situazione in Europa per quanto riguarda le possibili mete è probabilmente ancora più complicata che in Italia, anche perché buona parte del Vecchio Continente sta assistendo ad una seconda ondata di contagi. Come anticipato, i Travel trends di Omio sono in grado di mostrare l’evoluzione di come le abitudini di viaggio delle persone stiano cambiando, ma soprattutto di quali sono le destinazioni visitabili senza incorrere in alcun rischio.

Ad esempio, troviamo Chipiona, in Andalusia, che durante questa passata estate ha conquistato il 10° posto delle località europee più visitate, nonostante nel 2019 non fosse nemmeno presente in alcuna classifica. Per quanto riguarda la Germania invece, Berlino continua ad essere una meta ambita, mentre grandi nomi del turismo europeo come Parigi e Praga perdono terreno, in favore di altre considerate più tranquille, come Zurigo e Friburgo.

Anche Amsterdam purtroppo ha perso moltissima popolarità, a confermare come i timori delle persone a causa del Covid-19 stiano deciaamente condizionando le scelte di viaggio. Senza dimenticare che a prescindere dalla volontà di visitare l’una o l’altra località, sussiste anche una situazione differente da paese a paese circa le misure di contenimento. In alcuni Stati ad esempio è necessario presentare all’ingresso un tampone negativo non più vecchio di 3 o 4 giorni, o sottoporsi comunque a quarantena cautelativa.

Quest’ultimo aspetto è di fondamentale importanza per la pianificazione di un viaggio, dunque è importante informarsi preventivamente su qualche portale specializzato per comprendere quali sono le reali misure messe in atto. Ma anche per il rientro nel nostro Paese potrebbero essere previste altrettante misure. Il consiglio in questo caso è quello di fare affidamento al sito del Governo Viaggiare Sicuri.

Si tratta della pagina dell’Unità di Crisi della Farnesina che specifica nel dettaglio quali sono i requisiti di ingresso, facendo bene attenzione ad un dettaglio, ovvero che anche il tragitto prescelto potrebbe influenzare quelle che sono le regole di quarantena. Ad esempio andando in auto in Slovenia dall’Italia, non sarà necessario isolarsi per 14 giorni, ma il discorso cambia totalmente nel momento in cui si dovesse transitare per la Croazia. In questa condizione, che non è certamente l’unica ipotesi possibile, si rende necessario ancora una volta il tampone.