Quantcast

Cannabis light online: ecco le varietà preferite dagli utenti

La cannabis light presenta un contenuto di THC (delta-9-tetraidrocannabinolo) inferiore allo 0,6%. Se il principio attivo non supera questa soglia, infatti, non si ha l’effetto stupefacente ed è acquistabile legalmente, sia fisicamente che in rete

La cannabis light presenta un contenuto di THC (delta-9-tetraidrocannabinolo) inferiore allo 0,6%. Se il principio attivo non supera questa soglia, infatti, non si ha l’effetto stupefacente ed è acquistabile legalmente, sia fisicamente che in rete. Questo mercato è in grado di soddisfare le esigenze più varie dei consumatori, che hanno l’opportunità di scegliere tra molti gusti e varietà.

All’interno del panorama del settore e-commerce, uno dei punti di riferimento risulta essere lo shop online di cannabis light JustBob, che presenta prodotti tutti rigorosamente made in Italy. Sul sito ufficiale si può avere un quadro esaustivo del vario mondo della cannabis legale e si può avere una percezione di quanto questo e-commerce possa venire incontro alle varie necessità dei clienti.

I tipi di piante

I prodotti che troviamo sullo shop online di JustBob sono il risultato dello studio sulle coltivazioni e sulle ibridazioni. Le piante di marijuana light hanno un genere, che può essere maschile o femminile. Fondamentale per questo settore è la pianta femminile, che genera fiori ricchi di resina, il cui ruolo biologico è trattenere il polline maschile. Arrivati a questa fase, l’esemplare femmina può produrre i semi.

Di base, ci sono tre tipi di marijuana in natura: Indica, Sativa e Ruderalis. L’Indica è forse la tipologia più conosciuta. Di origine indiana e legata a una cultura di tipo meditativo, presenta una pianta di circa 1 m/1,5 m, simile a un abete durante il periodo della fioritura. Viene utilizzata anche in medicina perché ha proprietà rilassanti.

La Sativa ha piante alte che possono arrivare, mediante gli incroci, a superare di molto i 5 m. Viene impiegata anche nell’industria tessile e della carta e ha origine nell’America centro-meridionale. La Cannabis Ruderalis è particolarmente usata per creare ibridazioni e incroci. Forte, robusta, di grande resistenza, cresce anche in zone molto fredde.

Le varietà preferite dai consumatori

La qualità California Haze è una delle più apprezzate nel panorama della marijuana light, fin dalle sue origini, che risalgono agli anni 90. Deriva dall’incrocio tra la Sour Diesel e una Haze classica, a cui oggi si aggiunge la componente di una Ruderalis messicana.

Ha proprietà autofiorenti ed è uno dei pochi casi in cui si possono ottenere infiorescenze di diverse grandezze. I buds sono ricchi di pistilli e tricomi dal rosso acceso e hanno un aspetto accattivante, mentre le cime presentano sfumature rosse ma anche viola. Il gusto è vigoroso e delicato insieme, evoca la consistenza dolce della frutta e dello zucchero filato.

C’è poi l’Orange Bud, che si ricava dai ceppi della sativa Skunk. Il gusto è inconfondibile, forte e dall’aroma intenso. Viene coltivata anche in Italia, in Piemonte, dove viene sottoposta ad attenti controlli e dove viene fatto uso di tecnologie all’avanguardia. Qui si studiano tecniche di irrigazione per rendere il prodotto qualitativamente ancora migliore. Non vengono utilizzati pesticidi o fertilizzanti e le coltivazioni non sono OGM.

La Charas è una qualità di pregio. Viene prodotta con una particolare tecnica di estrazione dell’hashish, praticata solo in India fino a non molto tempo fa. Presenta una colorazione interna che ricorda la cromaticità del caramello, mentre la sua parte esterna risulta più scura, visto il contatto con l’aria. L’aroma è inebriante e intenso e mescola la piacevolezza del fruttato con l’effetto pungente dei sapori della terra e della menta.