Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Chi sarà il nuovo presidente del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano?

Più informazioni su

Se guardiamo all’esperienza del Parco delle Cinque Terre in Liguria, la delusione per come sono gestiti i Parchi naturalistici in Basilicata è enorme. I risultati conseguiti dai liguri sono indiscutibili. Ebbene, le differenze tra il Parco ligure e quelli lucani sono poche ma, fondamentali. In quello ligure la gestione è affidata a persone esperte che hanno a cuore esclusivamente lo sviluppo del Parco. La partecipazione dei diversi attori che hanno interesse nel perimetro è alta e significativa. La manutenzione quotidiana del territorio è affidata ai cittadini e ai contadini del luogo i quali sono parte di un progetto condiviso e remunerativo per tutti. L’internazionalizzazione di quel capitale naturalistico è stato affidato a mani esperte. Loro non hanno i pozzi di petrolio sulla soglia di casa. Risultati? Le Cinque Terre non riescono a reggere la pressione e i grandi numeri delle presenze turistiche. In Basilicata, spesso e volentieri, la gestione di questi gioielli è affidata a personale di nomina politica che risponde alle logiche del consenso elettorale. Spesso funzionano da porte girevoli per l’assunzione o per le carriere di raccomandati dal politico di turno. A volte i dirigenti sono più interessati agli appalti dei lavori che alla salvaguardia e allo sviluppo del Parco e lasciano in pace chi costruisce sentieri in cemento. Scarseggiano le guide turistiche e anche la loro qualità, si sottovaluta l’importanza della partecipazione alla vita del Parco degli abitanti del territorio e dei contadini con le loro coltivazioni. L’attuale presidente del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano è in scadenza. Che si fa? Si nomina un burocrate al servizio del potente di turno o una persona capace, competente e soprattutto innamorata di questa terra? Qualcuno che sappia mettere a valore economico quel capitale di tradizioni, cultura, bellezze paesaggistiche e naturalistiche esiste? Qualcuno che sappia costruire sentieri veri di sviluppo intorno a quel patrimonio ci sarà pure o no? Nessuno si nasconda dietro la storiella che la nomina è prerogativa del ministero dell’Ambiente. Sappiamo bene come funziona.

Più informazioni su