Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Elezioni regionali: come si vota

I lucani ai seggi domenica 24 marzo, dalle 7 alle 23

Domenica 24 marzo in Basilicata si vota per il presidente della Regione e per il rinnovo del Consiglio regionale. Le urne saranno aperte dalle 7 alle 23. Lo spoglio comincerà subito dopo la chiusura dei seggi. Gli aventi diritto (residenti) al voto sono circa 460mila. Gli elettori in totale, compreso quelli che si trovano all’estero e che possono votare solo recandosi ai seggi in Basilicata sono circa 573mila. 

Quattro i candidati presidente in corsa: Antonio Mattia per il M5S, Carlo Trerotola, coalizione di centrosinistra con sette liste, Valerio Tramutoli per la Basilicata Possibile,Vito Bardi, coalizione di centrodestra con cinque liste.

Come si vota. I lucani voteranno con la nuova legge elettorale varata nell’agosto 2018 e modificata nell’ottobre successivo. 

L’elettore può esprimere il suo voto facendo un segno sul nome di uno dei candidati presidente. In questo caso il voto non si trasmette a nessuna lista; facendo un segno sul nome di una delle liste: in questo caso, il voto viene trasferito al candidato presidente sostenuto da quella lista.

È vietato il voto disgiunto: non si può votare un candidato presidente di una lista e una lista che sostiene un candidato diverso.

E’ ammessa invece la doppia preferenza solo nel caso in cui i due consiglieri scelti dall’elettore siano di sesso diverso e della stessa lista, pena l’annullamento della seconda preferenza.

Sarà eletto il candidato presidente che riceve più voti.

E’ previsto un premio di maggioranza per il candidato vincente

Fino al 30 per cento dei voti, sono attribuiti 10 seggi più il presidente; dal 30 al 40 per cento, 11 seggi più il presidente; oltre il 40 per cento 12 più il presidente. In ogni caso la maggioranza non può avere più di 14 seggi (oltre al presidente).

La nuova legge elettorale prevede due soglie di sbarramento diverse a seconda che una lista si presenti da sola o in coalizione. Nel primo caso la soglia di sbarramento sarà pari al 3%; nel secondo  sarà invece pari all’8% dei voti validi.