Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Cillis (M5S): “Con Lega o Pd, ci interessa solo che il nostro programma si traduca in fatti”

Il portavoce lucano alla Camera risponde alle critiche sull'intesa "giallo-rossa"

Più informazioni su

Sorrido nel leggere le interpretazioni più creative per valutare il governo “giallo-rosa” appena nato. Ma resto anche mortificato nel leggere il dolore di alcuni attivisti perché ritengo, personalmente, che non abbiano compreso appieno cosa è accaduto al M5S da marzo 2018, dopo le elezioni politiche, quando pur essendo diventati la prima forza politica del Paese, non potevamo governare da soli a causa di una legge elettorale costruita contro di noi, votata da Pd, Lega e Forza Italia.

L’unica cosa che potevamo fare era porre i temi per realizzare il più possibile il nostro programma elettorale vedendo chi ci stava ed è così che abbiamo fatto, mettendo a disposizione i nostri voti a favore delle cose buone, nell’ unico e solo interesse dei cittadini.

Il Pd non volle stipulare il contratto e ci confrontammo con la Lega. Con loro scrivemmo, insieme, un programma di governo e siamo andati avanti sin quando Salvini ha deciso, di disonorare quel contratto e di tradire non solo il MoVimento 5 Stelle ma anche il Presidente Conte e, soprattutto, gli italiani.

Oggi il nostro interesse, unico, è ancora di provare a portare a termine tutte quelle cose che 11 milioni di italiani ci hanno chiesto di fare superando le vecchie categorie politiche, i colori e avendo come bussola solo ed esclusivamente l’interesse dei cittadini. Quindi abbiamo indicato al PD i nostri temi e le nostre priorità, esattamente come avevamo fatto dopo il 4 marzo del 2018, chiedendo di avere la massima garanzia affinché si traducano in fatti i nostri temi.

Ecco perché, con convinzione, faccio gli auguri di buon lavoro a tutti i ministri, al “nuovo” governo e soprattutto agli italiani affinché – dopo quanto già fatto nei primi 14 mesi – entro la fine di questa legislatura si possano realizzare altri nostri temi.

Quale componente della Commissione Agricoltura continuerò ad impegnarmi affinché diventino prioritari i temi sull’agricoltura del nostro programma elettorale anche per il nuovo ministro Teresa Bellanova del Pd, a cui evidenzio la necessità: di ristabilire gli equilibri e i rapporti di forza all’interno della filiera tra agricoltori e industria della trasformazione e distribuzione; di potenziare l’offerta nazionale di materie prime valorizzando le eccellenze dei nostri territori; di semplificare le procedure burocratiche e l’accesso al credito, soprattutto per i giovani; di ridurre la pressione fiscale sulle Pmi agricole e non per ultimo la necessità di legiferare affinché il nostro Made in Italy non sia più inquinato: dal caporalato e dallo sfruttamento del lavoro in agricoltura, dall’uso di sostanze nocive per ambiente e salute e da metodi cruenti per gli animali da reddito.

Come sempre, non siamo di destra o di sinistra, siamo solo per i cittadini.

Luciano Cillis, portavoce M5S Camera deputati

Più informazioni su