Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Vende benzina a basso costo, Guardia di Finanza scopre maxi evasione fiscale a Trecchina

Denunciato il concessionario di un distributore

Il titolare di un distributore stradale di carburanti per autotrazione, ubicato nel territorio del Comune di Trecchina, ha occultato ricavi per oltre 1.300.000,00 euro ed evaso I.V.A. per oltre 300 mila euro non dichiarando nulla al fisco per un anno.

A quantificare le somme sono stati i finanzieri della Tenenza di Maratea che, nell’ambito dei consueti servizi, mirati al contrasto dell’evasione fiscale, si sono insospettiti dal prezzo di vendita dei carburanti particolarmente favorevole praticato presso un distributore e dalla sistematica chiusura dello stesso per alcuni giorni della settimana, pur essendo ubicato su una strada con particolare flusso di traffico veicolare.

Le Fiamme Gialle hanno così eseguito un’attività info-investigativa con l’ausilio delle banche dati che ha consentito di appurare che il soggetto operava su concessione di una nota compagnia petrolifera, successivamente revocata per inadempienze contrattuali, e di riconoscere significativi elementi di pericolosità fiscale in capo al titolare della concessione, primo fra tutti, la mancanza di alcune dichiarazioni fiscali.

Le indagini di polizia economico-finanziaria sono proseguite con l’esecuzione di una verifica fiscale attraverso la qualeè stato  ricostruito il giro d’affari della ditta e quantificato l’ammontare delle somme sottratte a tassazione pari ad oltre un milione e trecentomila euro con una contestuale evasione di Iva pari a circa trecentomila euro, realizzata grazie alle cessioni di carburanti in evasione d’imposta. 

Al termine degli accertamenti, il concessionario del distributore carburanti, che assumeva la qualità di evasore totale, è stato denunciato a piede libero all’Autorità Giudiziaria.