Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Cure dentistiche: sempre più italiani vanno all’estero

Il quadro generale è desolante: sono circa 13 milioni gli italiani che, ogni anno, rinunciano alle cure mediche per impossibilità economica

I costi della sanità italiana e, in particolare, quelli delle cure dentali, fanno spostare sempre più italiani all’estero. Tanti sono quelli che, addirittura, arrivano a rinunciare alle cure perché non hanno la possibilità economica di affrontarle. Altri, invece, decidono di andare all’estero, soprattutto nei paesi dell’Est europeo, per curarsi con costi decisamente più bassi.

Il quadro generale è desolante: sono circa 13 milioni gli italiani che, ogni anno, rinunciano alle cure mediche per impossibilità economica. Soprattutto al Sud, quasi mezzo milione di persone decidono di affrontare dei viaggi per andare a curarsi all’estero, dove le spese sono minori. Una recente indagine ha messo in evidenza quelli che sono i fattori principali che portano sino alla rinuncia alle cure. Come detto, nel 10,9% di casi si parla di motivi economici, ma anche di lunghe liste di attesa. Alcuni decidono di non curarsi sperando in una risoluzione spontanea delle cure e in molti decidono, invece, di affrontare quelli che in molti definiscono viaggi della speranza.

Tanti sono anche coloro i quali decidono di andare all’estero per delle cure dentali. Anche in questo specifico caso i dati parlano chiaro. Stando a una indagine Ispo, molti italiani decidono di affidarsi a cliniche estere per la cura dei loro denti. L’Ungheria e la Croazia, da questo punto di vista, la fanno da padrone.

Crescono, quindi, i numeri del turismo dentale in Ungheria che, quindi, si propone come la nuova patria per tutti coloro i quali vogliono un sorriso smagliante e denti perfetti. Il perché è facile da intuire e ce lo spiegano anche gli esperti di DottorDentista. Andare in Ungheria costa poco: esistono tantissimi voli low cost che vengono offerti da compagnie affidabili come Ryanair o WizzAir solo per fare due esempi. Anche gli alloggi non costano troppo e, pertanto, già risparmiando su viaggio e soggiorno si inizia ad avere un buon livello di convenienza. Entrando nel vivo del discorso e analizzando quelli che sono, poi, i costi degli interventi in Ungheria, si capisce ancora meglio il perché tanti italiani scelgano proprio questa come meta. Anche le cure costano meno e sono di ottima qualità. Fino a qualche anno fa, pensare alle cure dentistiche in Ungheria, Romania o Croazia, portava con sé un buon livello di sfiducia, che è stato abbondantemente superato, alla luce di quelli che sono i risultati che si possono ottenere.

Come mai i costi sono così minori rispetto a quelli italiani? In Ungheria, il Sistema Sanitario Nazionale funziona in maniera differente, ci sono liste di attesa meno lunghe e, soprattutto, i professionisti hanno delle spese inferiori rispetto a quelle che hanno i loro colleghi in Italia. Questo può portare a ottenere dei tagli di tariffa di circa il 50-70% se si prende in considerazione il prezzo medio di una qualsiasi prestazione nel nostro paese.

Ecco spiegato il perché di questi viaggi verso i paesi dell’Est europeo per curare bocca e sorriso. La convenienza c’è ed è tangibile e, inoltre, è possibile ottenere un ottimo servizio a prezzi decisamente ridotti.

Oggi un viaggio in Ungheria per una protesi dentale o per l’impianto di uno o più denti non è più un tabù. Sono tanti gli italiani che lo fanno e che tornano soddisfatti. Inoltre, le spese sostenute possono essere rimborsate dal nostro sistema sanitario e si ha a che fare con personale competente, specializzato, che parla inglese o, nel migliore dei casi, italiano. Sarà facile comunicare, capirsi, spiegare le proprie esigenze e il tutto andrà a vantaggio del risultato finale, che non potrà che essere soddisfacente, così come sottolineano sia i dati che gli esperti del settore.