Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Povertà educativa in Basilicata, Garante per l’Infanzia e sindaci sollecitano disegno di legge

"Necessità del rafforzamento e della valorizzazione della rete educativa"

Più informazioni su

In uno degli ultimi rapporti di monitoraggio del Gruppo di lavoro CRC sull’attuazione della Convenzione sui diritti dell’infanzia, si evidenziava che in Italia: Un bambino su sette nasce in condizione di povertà assoluta; Uno su venti vive in aree inquinate e a rischio di mortalità; Uno su venti assiste a violenza domestica; Uno su cento vittima di maltrattamenti e che non sempre i pediatri denunciano (16%) per paura di perdere l’assistito; Uno su cinquanta soffre di una condizione che comporterà una disabilità significativa all’età dell’ingresso nella scuola primaria; Uno su cinquecento vive in strutture di accoglienza; solo il 12,6% possono usufruire dei servizi socio-educativi nei primi tre anni di vita (in Basilicata 6 bambini su 10) e Uno su dieci nell’età compresa tra 3 e 5 anni.

La Basilicata poi, è tra le 7 regioni italiane con il più alto tasso di povertà educativa cioè quell’assenza di condizioni che priva i bambini delle opportunità necessarie per apprendere, sperimentare e coltivare le proprie competenze e aspirazioni. Inoltre detiene anche il più alto indice di bambini in età scolare obesi (13%) e sovrappesi (27%) ed ha una denatalità crescente che assottiglia sempre più la popolazione scolastica con gravi ripercussioni organizzative”.

Con questi dati il Garante dell’infanzia e dell’adolescenza di Basilicata, Vincenzo Giuliano, è intervenuto al IV Convegno Nazionale dei Pediatri -SISPe – a Matera dal 10 al 13 maggio u.s. sul tema “Diventerò grande” , sviluppando il compito assegnatogli su: Bambini oggi. Quale futuro?

Se aggiungiamo che i nostri bambini e adolescenti vivono in una società: in continua trasformazione culturale e strutturale, dove allo sviluppo di una razionalità tecnologica e scientifica non si accompagna una razionalità etica; in crisi per il crollo di fondamentali valori etici (bene comune, solidarietà, rispetto ecc); afflitta da un consumismo ed edonismo imperante che tenta di ridurre sempre più l’uomo ad un inerte ricevitore di stimoli;

rischiano anche un graduale conseguente depotenziamento delle loro capacità e potenzialità, e l’aumento dei Bes (Bisogni educativi speciali) e dei Dsa (Disturbi specifici dell’apprendimento) ne sono una conseguenza. Da ciò emerge la necessità del rafforzamento e della valorizzazione della rete educativa, costituita nei rapporti di corto raggio dalla famiglia, e subito dopo a diretta integrazione e collaborazione di questa dalle Istituzioni scolastiche”.

Ed è dalla lettura di questi fenomeni che è emersa la sollecitazione del Garante e dei sindaci di Potenza, Matera, Venosa e Bella al governo regionale a trattare la questione con la presentazione di un disegno di legge regionale riguardante il sistema regionale educativo della prima infanzia da 0 a 6 anni, nella consapevolezza che è nella prima età che l’attività educante può esplicare più efficacemente la sua azione, oltre ai risvolti di sostegno alle famiglie, alla natalità e all’occupazione con ricadute di risparmi in termini di costo per la pubblica amministrazione.

Vincenzo Giuliano, Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza Basilicata

Più informazioni su