Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Matera, ladri seriali di automobili arrestati dai carabinieri

Diversi i colpi messi a segno tra la Basilicata e la Puglia

Due giovani, rispettivamente di 25 e 24 anni, entrambi di Bitonto sono stati arrestati dai carabinieri con l’accusa di furto di autovetture.

I due, tra aprile e ottobre scorsi si sono resi responsabili di numerosi furti di autovetture e svariati tentativi andati a vuoto, rubando un totale di 14 veicoli tra i comuni di Matera e quelli di Bari, Altamura, Binetto, Terlizzi, Ruvo di Puglia, Mola di Bari e Giovinazzo.

Gli arrestati in concorso tra loro ed in qualche caso anche con il sostegno di altri complici, nonostante la loro giovane età, agivano in maniera scaltra, secondo un modus operandi, ben consolidato e ciò non solo per la facilità con la quale asportavano i veicoli, ma anche per la scelta dell’attrezzatura per lo scasso e del luogo dove occultare la refurtiva.

Gli stessi, dopo aver scelto la zona da colpire, a bordo di un’autovettura a loro in uso, una volta individuata l’autovettura di interesse, dopo un’attenta perlustrazione, ben equipaggiati con chiavi e strumenti di effrazione vari nonché un inibitore di segnali (utilizzato per bloccare il segnale GPS degli antifurti satellitari dei veicoli che ne erano dotati) e una centralina decodificata (con la quale sbloccavano e riuscivano ad avviare il motore delle autovetture), si avvicinavano rapidamente alla macchina e dopo aver forzato la portiera della stessa, avviato il motore, in maniera rapida e coordinata, si allontanavano dal luogo dei fatti, dirigendosi verso una zona di campagna periferica di Bitonto, difficilmente raggiungibile, dove, tra arbusti, rami di alberi e vegetazione fitta, occultavano la refurtiva.

Le autovetture rubate, molto probabilmente, erano destinate soprattutto ad essere smontate al fine di alimentare il commercio illegale di pezzi di ricambio. La consistente ed articolata indagine svolta dai carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Matera, ha permesso di acquisire importanti elementi probatori refertati all’ Autorità Giudiziaria che, condividendo a pieno le risultanze investigative, ha emesso il provvedimento restrittivo in questione.

Gli indagati, nelle prime ore della mattinata, rintracciati nelle rispettive abitazioni dai Carabinieri di Matera, dopo essere stati dichiarati in stato di arresto, al termine delle formalità di rito, sono stati condotti nel carcere di Matera.