Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Carabinieri forestali sequestrano camping

Denunciato il rappresentante legale della struttura

I Carabinieri Forestali di Scanzano Jonico hanno sottoposto a sequestro un camping per l’occupazione abusiva di aree demaniali, e deferito all’Autorità Giudiziaria il legale rappresentante della struttura.

L’operazione si è svolta in località “S. Pelagine” di Metaponto Lido, durante un controllo straordinario delle strutture ricettive ubicate lungo le aree litoranee della fascia jonica, in vista della prossima riapertura per la stagione estiva.

Durante il sopralluogo, è stato riscontrato che, all’interno di un rimboschimento di proprietà demaniale, i gestori della struttura avevano recintato ed occupato illecitamente un’area di circa 1000 mq., sulla quale era stata realizzata una serie di opere in assenza di titoli autorizzativi.

In particolare: un campetto per il tiro con l’arco, un parco giochi, un’area adibita a dog-sitting, una struttura in legno utilizzato come deposito. L’area, dotata di illuminazione, rete idrica fogniaria e videosorveglianza, era accessibile attraverso dei cancelli ricavati nella recinzione e servita esclusivamente dalla viabilità interna del camping.

L’ampliamento della superficie a disposizione, abusivamente effettuato dal centro turistico ricettivo, ha provocato la scomparsa del cotico erboso e del sottobosco costituito prevalentemente da lentisco e fillirea.

L’area interessata dall’illecito è inclusa in una Zona Speciale di Conservazione, sottoposta a vincolo paesaggistico-ambientale, idrogeologico ed urbanistico ambientale. Sono in corso ulteriori accertamenti al fine di verificare la legittimità delle strutture esistenti.

Nella stessa mattinata su disposizione del giudice i carabinieri del Corpo forestale avrebbero tolto i sigilli in quanto si sarebbe trattato di una piccola area rispetto all’intera superficie del Camping, che è adiacente, quindi  “non è stato sottoposto a sequestro il Camping” che è di 32.000 mq rispetto ai 900 mq circa contestati. Il dissequestro sarebbe avvenuto in concomitanza con l’invio da parte dei Carabinieri del Comunicato stampa cin cui annunciavano il sequestro