Quantcast

Al via a Potenza il cartellone di Abito in Scena

Dal 30 giugno al 5 luglio spettacoli nei teatri del capoluogo

Sta per partire la nuova edizione di Finali di Scena, cartellone di appuntamenti ideato dalla compagnia Abito in Scena: lavori teatrali, residenze e prove aperte per tornare ad abitare i teatri della città attraverso l’incontro sinergico tra la compagnia, i suoi allievi e il pubblico. Si comincia il 30 giugno fino al 5 luglio, lavorando nei teatri del capoluogo (Teatro F. Stabile, Teatro 2Torri, Teatro Don Bosco e Teatro Piccolo Principe).

Oggi più che mai -spiegano gli organizzatori- riabitare contemporaneamente i teatri della città riteniamo sia un atto dovuto e significativo, nonché un momento di aggregazione e confronto stimolante e fruttuoso”.

Il 30 giugno alle ore 20 al Teatro F. Stabile la Compagnia Abito in Scena presenta Enne, radiodramma primo atto con Monica Palese e Luca Morelli, registrazione e missaggio di Olindo Linguerri, regia Leonardo Pietrafesa. Un progetto artistico sull’ascolto e l’assenza. “Dopo mesi di allontanamento dal palco nasce l’esigenza di tornarci ristabilendo una relazione intima. Relazione che per questo primo passaggio abbiamo immaginato di costruire attraverso il radiodramma, le parole quindi e il loro ascolto per rientrare in teatro in punta di piedi e riappropriarci della dinamica catartica che questo produce”.

Per chi acquista il biglietto ci sarà anche la possibilità di prendere un aperitivo nel centro storico.

Enne come iniziale dell’autore delle storie proposte: un matrimonio, una coppia innamoratissima” si metterà a nudo svelandosi segreti e reciproci sgarbi, ma è l’amore quello che conta…e la ricchezza.

Prossimo appuntamento il 5 luglio con lo spettacolo Basta un attimo, alle ore 21.00 presso il Teatro Piccolo Principe di Piemonte. Basta un attimo è l’esito del laboratorio Spazi Narranti, progetto che ha preso vita per raccontare e rivalutare, attraverso la contaminazione tra le arti ( teatro, musica, cinema), il quartiere di S. Maria di Potenza. Qui avrebbe dovuto svilupparsi Ophelia, il progetto architettonico di un ospedale psichiatrico costruito a Potenza, in Basilicata, ideato da Giuseppe Quaroni e Marcello Piacentini nella prima decade del novecento.

Per Enne e Basta un attimo sono già in vendita i biglietti
È possibile contattare il recapito 3429458761 (WhatsApp) e scrivere alla mail info@abitoinscena.com