Quantcast

In Basilicata presidio contro la guerra e per la pace in Ucraina foto

Cittadini e società civile sono stati invitati a unirsi per far arrivare un messaggio chiaro e deciso al governo italiano

Questa mattina, 26 febbraio, dalle 10, la Rete della pace è scesa in piazza a Potenza e a Matera per ribadire la ferma contrarietà a ogni guerra. L’appuntamento è  in piazza Mario Pagano a Potenza e in piazza Vittorio Veneto a Matera. Cittadini e società civile sono stati invitati a unirsi per far arrivare un messaggio chiaro e deciso al governo italiano.

In gioco sono la vita, il benessere di milioni di persone con esiti, peraltro, imprevedibili per la pace mondiale. Torniamo a ribadire la necessità urgente di un intervento deciso da parte delle istituzioni europee e mondiali affinché si lavori per tornare ai tavoli diplomatici e promuovere altre vie di risoluzione dei conflitti. Vanno riaffermati i valori del dialogo, ripartendo dalla applicazione degli accordi di Minsk, e nel rispetto degli accordi di Helsinki, ribadendo il principio dell’inviolabilità delle frontiere e rifiutando ogni tipo di intervento miliare.

Promotori dell’iniziativa sono:

Cgil, Csil, Uil, Auser, Federconsumatori, Adoc, Adiconsum, Auser, Ada, Ateas, Cta Acli, Arci, Anpi, Libera, Rete degli studenti medi, Unione degli studenti, Ubik, associazione Insieme, Associazione per la pace, Agedo, Officine Macondo, Teatro minimo di Basilicata