Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Montescaglioso: “Le autorizzazioni a contravvenire la legge rilasciate da chi la legge deve farla rispettare”

Quella strana ordinanza che consente di trasgredire il codice della strada

Quando alcuni cittadini, preoccupati, mi hanno segnalato la pubblicazione dell’Ordinanza n. 01 del 10/01/2018, a firma del Responsabile della Polizia Municipale, Cap. Francesco Scocuzza, sono rimasto stupito per quanto contenuto nella medesima e vi confesso che, subito dopo averla letta, mi è venuto in mente un noto personaggio della commedia italiana!

Con tale controverso provvedimento, il Comandante della Polizia Municipale, dopo aver sentito l’Amministrazione comunale, imprudentemente ordina, ovverosia, dà la possibilità ad alcuni cittadini di potere trasgredire una legge dello Stato, ovvero, il Codice della Strada. Insomma, roba da Repubblica delle Banane! Scusate, ma da quando in qua coloro che devono far rispettare le leggi dello Stato rilasciano autorizzazioni a contravvenirle?

Nella fattispecie, ad alcuni “privilegiati” cittadini proprietari di garage di una determinata strada e agli autisti della ditta del servizio trasporto pubblico urbano sarà concesso andare contromano, vale a dire, in direzione opposta al senso di marcia consentito. Contromano? Si, avete capito bene, contromano! Ma, gli Amministratori comunali ed il Comandante si sono resi conto dei pericoli a cui saranno esposti gli automobilisti che transiteranno nelle strade a senso unico menzionate nell’ordinanza?

Dunque, è alquanto grave che il Sindaco Vincenzo Zito ed il Capo della Polizia Municipale giochino con la salute e la sicurezza dei cittadini producendo atti amministrativi in palese violazione delle leggi statali. Infatti, ad essere precisi, l’art. 177, comma 2, del nuovo Codice della Strada (Dlgs N. 285 del 30/04/1992) disciplina a chi, ed in quali circostanze, è consentito andare contromano nelle strade a senso unico “i conducenti dei veicoli (servizi di polizia o antincendio, autoambulanze), nell’espletamento di servizi urgenti di istituto, qualora usino congiuntamente il dispositivo acustico supplementare di allarme e quello di segnalazione visiva a luce lampeggiante blu, non sono tenuti a osservare gli obblighi, i divieti e le limitazioni relativi alla circolazione, le prescrizioni della segnaletica stradale e le norme di comportamento in genere”. Da questo articolo, si deduce chiaramente che ai privati cittadini alla guida di autoveicoli è severamente vietato percorrere una strada contromano rispetto alla direzione di marcia consentita! Mi chiedo: è mai possibile che un paese come Montescaglioso, con storia di lotte per la giustizia e la libertà, fisicamente vicino a Matera Capitale della Cultura 2019 alla quale guarda, debba essere continuamente esposto all’ilarità dell’opinione pubblica, in modo particolare, dei turisti e dei frequentatori occasionali?

L’inadeguatezza del Sindaco e dell’Assessore “competente” alla mobilità urbana, Dott.ssa Monica Ditaranto, era già sotto gli occhi di tutti (vedi il recente insensato nuovo piano traffico), ma con questa decisione l’intera amministrazione penso abbia superato perfino la creatività cinematografica del mitico attore, regista e cabarettista Antonio Albanese! Pertanto, al fine di prevenire danni alle persone ed inevitabili contenziosi legali, è necessario che venga immediatamente revocata l’ordinanza in questione che, oltre a schernire un intero paese, mette in serio pericolo la vita dei cittadini che si muovono per lavoro e per necessità! Al fine di farla osservare, l’ordinanza n. 01/2018 della Polizia Municipale, fortunatamente, sarà trasmessa al Comando della locale Stazione dei Carabinieri che immagino, e voglio sperare, abbia veramente qualcosa da far rispettare, specie al Capo della Polizia Municipale e a tutta l’Amministrazione comunale di Montescaglioso.

In ogni caso, presenterò istanza di revoca dell’irragionevole provvedimento municipale.

Peppino Ditaranto, Portavoce M5S