Quantcast

Trerotola: “Solidale con vicesindaco di Vietri di Potenza”

"Non è normale diventare il bersaglio di minacce spesso reiterate quando si ricopre un incarico pubblico"

Sono rimasto particolarmente esterrefatto dal brutale atto intimidatorio di cui è stato vittima, nella notte di Capodanno, Antonio Russo, vicesindaco di Vietri di Potenza, comune limitrofo alla mia natìa Balvano, nel cuore del Marmo-Melandro-Platano, una realtà territoriale laboriosa e civilissima, da sempre rispettosa delle istituzioni.  

Non è normale diventare il bersaglio di minacce spesso reiterate quando si ricopre un incarico pubblico. La violenza va sempre respinta e denunciata. Per questo motivo apprezzo sia l’immediata presa di posizione dell’Amministrazione Comunale di Vietri di Potenza che i tempestivi provvedimenti adottati dal Prefetto di Potenza, che, non sottovalutando la portata  di un episodio che apparentemente può sembrare minore all’interno delle logiche criminali, fanno si che chi viene minacciato non venga lasciato  solo.

Alla comunità ed agli amministratori di Vietri di Potenza ed a chiunque ha subito intimidazioni nell’esercizio di pubbliche funzioni giunga la mia convinta solidarietà, insieme all’auspicio che il confronto politico nella nostra terra, pur nell’asprezza dialettica, recuperi lo spirito di civiltà e di tolleranza, che da sempre lo contraddistingue, depurandolo da qualsivoglia tentativo di inquinamento sociale e delinquenziale”.

Carlo Trerotola, consigliere regionale “Prospettive Lucane”